banner_dolcevita
banner ruggeri
banner D'ANGELO 1
banner delizie 1
Unknown-1

DALLE ORE LAVORO ALLE ORE VALORE

By  |  0 Comments

Storie del lavoro che verrà. Si è tenuta all’Aurum, la fabbrica delle idee, a Pescara, la prima presentazione nazionale del libro: “Dalle ore Lavoro alle ore Valore – Storie del lavoro che verrà”, edito da Rubbettino, scritto da Claudio Bonasia e Luigi Di Giosaffatte, con la prefazione di Stefano Cianciotta. L’incontro è promosso dall’associazione CreaLavoroGiovani, in collaborazione con l’associazione culturale APP Abruzzo, con il patrocinio dell’ alla cultura del comune di Pescara. Durante la presentazione gli autori hanno delineato la genesi del volume, nato per diffondere e condividere le idee sui cambiamenti necessari al mondo del lavoro per entrare a pieno titolo nel terzo millennio. Nel lavoro ancora oggi sembra che nella stragrande maggioranza delle situazioni, si continuino ad usare categorie di pensiero, idee e strumenti del secolo scorso che, forse, potevano funzionare in una situazione completamente diversa, ma che oggi sono inadeguati alla realtà che è cambiata e cambia con una rapidità impressionante.  Da questa riflessione condivisa è nata l’idea di scrivere un libro con un diverso approccio, che affronta e illustra le nuove idee sul lavoro che cambia, con la giusta attenzione al cosa fare ed anche e soprattutto a come fare, condividendo idee ed esperienze degli autori e soprattutto la possibilità di “anticipare il nuovo” proponendo soluzioni diverse da quanto fatto in passato”. Secondo Stefano Cianciotta, Presidente Osservatorio Nazionale Infrastrutture di CONFASSOCIAZIONI, Docente universitario, editorialista ed opinionista economico: ” Il lavoro come lo abbiamo concepito nel passato non esiste più. Globalizzazione, tecnologie della comunicazione e dell’informazione hanno radicalmente trasformato l’ambiente in cui operiamo e ci relazioniamo. Parallelamente nascono e muoiono nuove mansioni che richiedono professionalità e competenze diverse da quelle che i giovani maturano in un sistema formativo, che fatica ad adeguarsi al cambiamento della società. Nel sistema del lavoro che cambia, occorre pertanto una grande rivoluzione culturale che dia spazio alla curiosità e alla innovazione del “lavorautore” (per citare il felice e intuitivo neologismo coniato da Luigi Di Giosaffatte), per liberare le sue energie positive da impiegare nella applicazione di concetti chiave come team building e problem solving, essenziali per relazionarsi nei tanti e diversi mondi del lavoro contemporaneo. Il filo rosso del saggio di Claudio Bonasia e Luigi Di Giosaffatte è l’affermazione di un elemento incontrovertibile: l’Italia deve recuperare un gap culturale che rischia di creare un solco indivisibile con i Paesi del Nord Europa, gli Stati Uniti e l’est del mondo.” Il Presidente dell’Associazione “CreaLavoroGiovani” Damiano De Cristofaro ha dichiarato: “La creazione di valore è il concetto centrale nel libro, elemento fortemente legato alla crescita costante, alla proattività, all’impegno del singolo e ad una visione di sistema. Un esempio di questo modo di agire, riportato nel testo, è il caso dell’associazione che rappresento, CreaLavoroGiovani”. Alessandro Addari, Presidente Associazione “APP Abruzzo”, si è soffermato sull’importanza della visione multidisciplinare e trasversale offerta dal libro, che affronta, tra gli altri, due temi molto cari all’Associazione APP Abruzzo, il sistema di Formazione – Scuola, Università e Ricerca e il focus sui cambiamenti della professione manageriale, “da Manager   a   Manager-Leader-Coach”.  Luciana La Verghetta, Sales Manager Randstad Hr Solutions che ha curato la postfazione del libro ha aggiunto: “Nel nostro settore ogni giorno nuovi strumenti digitali  rivoluzionano il mercato, modificano il nostro ruolo e il modo in cui le persone entrano in contatto con il mondo del lavoro.  Il cammino che come Randstad abbiamo intrapreso non è solo tecnologico: il nostro più grande valore distintivo rimane il tocco umano. È qui, all’incrocio tra tecnologia e umanità, che ci proponiamo di offrire ai nostri interlocutori una vera human experience. Questo perché la nostra missione è quella di facilitare l’ingresso nel mondo del lavoro dei giovani, fornendo loro strumenti e possibilità per diventare i professionisti di domani e creando rapporti privilegiati con scuole ed università del territorio per potenziare il trasferimento del know how. Perché non è un lavoro a definire chi siamo. Ma è ciò che siamo a definire il lavoro che facciamo.”