banner OXI
banner ruggeri
banner D'ANGELO 1
banner delizie 1
Unknown-1

GIORNALISTI CACCIATI

By  |  0 Comments

FOTO-RUBRICA-SITO-DAMIANI2-400x242-1 2

Allucinante! Nonostante il “pensiero unico” abbia manifestato tutte le lacune che si spera lo conducano al dissolvimento, la rivoluzione mediatica che trova sempre maggiore spazio e che va sotto il nome dispregiativo di “populista” ha di recente dovuto fa fronte ad una pseudo-restaurazione, per dirla alla francese, che ha toccato i giornalisti più coraggiosi, istruiti e liberali come Nicola Porro esautorato da Rai2 e migrato a Mediaset, Massimo Giletti esautorato da Rai1 e migrato a La7, Maurizio Belpietro fatto fuori dalla conduzione della trasmissione “Dalla vostra parte”, Mario Giordano esautorato dalla direzione della striscia serale “Stasera Italia”, Paolo del Debbio mandato in vacanza comandata prima delle ferie con la sua “Quinta colonna”. Capisco la Rai “governativa” ad avercela con Nicola Porro e Massimo Giletti poco inclini all’ubbidienza, ma non mi sarei mai aspettato un comportamento simile da parte della berlusconiana Mediaset. A questo punto alcuni conti vanno fatti. Non sono mai stato d’accordo col capo dei pentastellati che andrebbe anche col centro destra al governo facendo fuori Berlusconi di cui non sopportano la storia le idee, col suo modo arrogante di gestire l’empasse “o con me o contro di me”. Ma mi sto accorgendo col tutto il rispetto che provo per quelli che hanno espresso favore a Forza Italia che il suo caro presidente ha davvero varcato la soglia delle decenza non riconoscendo ed umiliando, cacciandoli, chi ha condotto alla resurrezione del centrodestra attualmente definiti nel loro operato “troppo populisti” come riporta il “Corsera” ed elargendo troppo vantaggio alle assise rivoluzionarie della Lega e dei Cinquestelle. E realizzo quanta polvere ammanta ancora i panni di quel moderatismo tanto caro al Cavaliere da poter decantare come eroi anche giornalisti come Gomez o Travaglio. Mi sorge il dubbio ora: e se questi avessero ragione?
Arcadio Damiani