PAOLO PAVONE
banner_dolcevita
banner ruggeri
banner D'ANGELO 1
banner delizie 1
Unknown-1

GIORNALISTI

By  |  0 Comments

FOTO-RUBRICA-SITO-DAMIANI2-400x242L’informazione impestata da “Fake News” è il grande problema delle nostre alte sfere che dev’essere subito affrontato cogliendo la ghiotta occasione per ripulire dai veicoli mediatici tutto ciò che è politicamente scorretto o “impresentabile” per dirla alla Veneziani. I giornalisti a dire il vero non si sono scomposti più di tanto, anzi la UE ha elaborato per loro il nuovo canovaccio linguistico non in termini di neologismi in uso ma in termini di parole ed espressioni “corrette” direttamente connesse alla più grande tolleranza e strettamente contigua alla propria autodistruzione. Mi aspettavo una levata di scudi a difesa del libero pensiero e tranne qualche rara eccezione come Longanesi, Montanelli, Guareschi, Arpino, Biagi, Belpietro, Feltri mi sono reso conto che i giornalisti “veri” sono pressoché scomparsi dall’arena informativa. Merito del “pane quotidiano” ma non della “summa ideologica”, in maggioranza divenuti “pennivendoli” alla bisogna. Riempire l’ampio cartaceo con notizie “fuffa” come le persecuzioni ammiccanti di taluni personaggi dello spettacolo verso suffragette a mo di violenza sessuale mi sconcerta sia per la scoperta dell’acqua calda sia perché vengono messe a rischio alcune identità veramente stimabili o artistiche per il solo vezzo del gossip spicciolo a sfondo erotico-persecutorio-intimidatorio. Secondo la saggezza sicula “cummannari è megghio che fottere..perchè cummannannu si fotte megghio!!”. E allora? Vogliamo la ribalta confessando vecchie avances perché non abbiamo più contratti dignitosi, vogliamo cavalcare l’onda persecutoria verso qui personaggi che fanno più “audience”. Ma da che mondo è mondo c’è sempre stato la debolezza dell’uomo verso il fascino femminile artatamente usato per conquistare potere della donna da Cleopatra a Lucrezia Borgia per non essere molto vicini. E allora? Ci dovremmo scandalizzare per un’attrice che slingua con un cane e si confessa per aver subito violenza? Ma la sua cos’è? Delirio mistico animalista? Voglia di redenzione della zoerastia? Da che mondo è mondo in certi ambienti come un credito deteriorato della finanza vanno in giro prestazioni di analogo valore. E da che mondo è mondo ci sono anche donne che non hanno soggiaciuto al volere di chi toglieva loro la propria dignità. Ed è a queste che dirigo il mio rispetto e la preghiera di continuare a lottare per essere diverse dalle moltitudini. “Omnia munda mundis”(S.Paolo), tradotto “Tutto è puro per i puri”.