connext_2019_banner_1000x124 px
PAOLO PAVONE
banner_dolcevita
banner ruggeri
banner D'ANGELO 1
banner delizie 1
Unknown-1

IL MIBE DONA LA MASCHERA FUNERARIA DEL VATE AL MUSEO TATTILE DI ANCONA

By  |  0 Comments

Si tratta  di un calco, realizzato dal liceo artistico in alternanza scuola lavoro, uguale all’originale conservato nella casa di D’Annunzio a Pescara  

Un percorso particolarissimo quello compiuto in alternanza scuola lavoro dagli studenti della V F del Liceo Artistico Musicale e Coreutico “Misticoni-Bellisario” di Pescara, guidato dalla  Dirigente Scolastica prof.ssa Raffaella Cocco, che ha portato alla realizzazione di una riproduzione della maschera funeraria del  vate, un calco uguale a quello presente nella casa di d’Annunzio, chiuso in una teca. 

Il progetto è nato lo scorso anno su richiesta dell’Unione Italiana dei ciechi e degli ipovedenti – sezione di Pescara – nella persona del suo presidente Gabriele Colantonio, ed è stato realizzato in collaborazione con la casa di D’annunzio e la direttrice del Polo Museale dell’Abruzzo – Ministero per i beni e le attività culturali, dott.ssa Lucia Arbace.

Il calco della maschera funeraria del vate, prodotto in gesso alabastrino utilizzando  la tecnica della formatura in calco di gomma siliconica, ha le dimensioni di 33*26*18h ed ha suscitato subito l’interesse di molti operatori del settore museale.

Il Liceo Mibe ha quindi deciso di donarlo al Museo Tattile Statale Omero di Ancona, situato presso la Mole Vanvitelliana. Il Museo Tattile, istituito nel 1993 dal Comune di Ancona con il contributo della Regione Marche, su ispirazione dell’Unione Italiana Ciechi, occupa uno spazio di circa 3.000 metri quadri su quattro piani ed espone centinaia di opere in un percorso innovativo, multisensoriale e tecnologicamente avanzato. E, dal 29 marzo, si arricchisce anche della maschera funeraria del vate, realizzata dagli studenti del Mibe. Presenti alla visita museale e alla cerimonia della donazione gli alunni della V F, accompagnati dai docenti promotori del progetto proff. Stefano Angelini, Manuela Fusilli e Pietro Pisano.