banner_dolcevita
banner ruggeri
banner D'ANGELO 1
banner delizie 1
Unknown-1

Il Vate e quel sovrammirabile viaggio della carne

By  |  0 Comments

Dalla dea Angizia, le cui serpi luccicano tra le braccia di una giovane donna come in estasi, al dolore metafisico della Madonna attonita davanti al corpo del Redentore.

Così comincia la galleria di foto di Alessio Consorte per la terza edizione di “d’Annunzio & Friends” mostra ospitata nella casa natale dell’Imaginifico. Gliscatti sono un po’ un calendario e un po’ uno shooting nell’immaginario letterario e mitologico del Poeta, con un occhio alle dimensione filmica dei soggetti e della luce. Nella scena in riva all’Adriatico si consuma una Passione quasi pasoliniana per poi approdare al quadro pastorale dove l’eros è puro impulso primitivo: bianco e nero, luci che avvolgono i corpi, luoghi dannunziani rivisitati in chiave fantafashion.

E’ il viaggio della carne ai tempi di Instagram e dei social network, dove le giovanissime modelle varcano la soglia dell’immaginario d’autore e approdano nei labirinti dell’eros e dell’amore alchilico. Basterà un “mi piace” a condividere questa singolare esperienza ospitata nientedimeno che da una struttura ministeriale? In questo caso d’Annunzio viene ripensato con la sua arte in modo non convenzionale. Di sicuro un’occasione per rileggere almeno una piccola parte della monumentale epopea sensoriale del Vate. Difficile dire se i digital native si potranno mai innamorare del Principe di Montenevoso e delle sue formidabili macchine di seduzione, le sue
opere letterarie, preziose per scavare nei desideri più inconfessabili degli amanti, anche senza ologrammi e wi fi. Certo una risorsa delle letteratura mondiale come d’Annunzio meriterebbe una collocazione più moderna nel panorama dell’offerta culturale italiana.

Per un paradosso della storia del costume la casa natale del Vate si trova in quello che è il cuore della movida pescarese dove sfilano ogni fine settimana migliaia di giovani e sono costretti a fare i conti con targhe ed insegne a lui dedicate, non solo nelle canoniche visite scolastiche ma proprio all’apice del divertimento notturno e del brindisi giovanilistico. Al Vate certo non dispiacerà.
Sesso estremo, magia, religiosità pagana…