banner OXI
banner ruggeri
banner D'ANGELO 1
banner delizie 1
Unknown-1

IVAN FRANEK, L’ATTORE INTERNAZIONALE INNAMORATO DELL’ABRUZZO

By  |  0 Comments

PESCARA – Innamorato del’Abruzzo in tutti i sensi, per lavoro e per vita personale, l’attore Ivan Franek, nato nella repubblica Ceca, è ormai della nostra terra a tutti gli effetti da quando vive ad Avezzano con la sua compagna. Grazie a lei ha imparato ad apprezzare luoghi e sapori della regione: nei giorni scorsi si è trattenuto a Pescara con il produttore pescarese Daniele Baldacci della Blue Cinema Tv, società di produzione di Roma per il lancio del film I nostri passi diversi  con Viola Graziosi, Gigi Giuffrida ed Edoardo Romano. E’ la storia di un truffatore seriale che cambia abilmente identità spacciandosi per un manager dello spettacolo. In un astuto gioco di false promesse e scambi di persona mette a nudo ambizioni e debolezze di una cittadina della provincia pugliese. Ivan Franek è stato insignito nei giorni scorsi da un premio come migliore attore al Festival del Cortometraggio di Manfredonia (Fg) dove è ambientato il film; il film I nostri passi diversi ha ricevuto anche la menzione speciale alla produzione del film e miglior attore non protagonista a Gigi Giuffrida. Intanto, Ivan Franek ha appena finito di girare una spy-story internazionale con l’amico regista Luc Besson; di recente ha anche preso parte al film Il permesso – 48 ore fuori di Claudio Amendola, girato anche a Pescara. Spesso si reca al mare con la sua famiglia ad Alba Adriatica che, a suo dire, è anche superiore alle rinomate spiagge francesi che ha frequentato a lungo sia per lavoro che per abitudini di vita. Ha avuto la fortuna di lavorare con maestri del cinema come il marsigliese Robert Guédiguian ed è stato anche molto apprezzato da Olivier Marchat. I cinefili italiani lo ricordano per il suo ruolo da protagonista nel pluripremiato Brucio nel vento di Silvio Soldini. Di recente ha lavorato con Paolo Sorrentino nella Grande bellezza e con Gabriele Salvatores per Il ragazzo invisibile, seconda generazione. Nel recente film il giovane Karl Marx di Raoul Peck interpreta un agguerrito Bakunin. E la speranza è che inviti al più presto in Abruzzo i suoi amici registi internazionali ad apprezzare le nostre bellezze.