banner MONDADORI
banner LUPO
banner RICAMI
banner D'ANGELO 1
banner delizie 1
Jaguar
Unknown-1

PERGOLE BIOCLIMATICHE: NON SERVONO PERMESSI PER INSTALLARLE

By  |  0 Comments

Se volete ombreggiare il vostro giardino o terrazzo con le pergole bioclimatiche, sappiate che potete farlo senza richiedere alcun permesso al Comune. Con la sentenza 1777/2014, il Consiglio di Stato ha chiarito il ruolo delle coperture esterne leggere, precarie e facilmente amovibili, annoverando tra queste le pergole bioclimatiche.
Per la realizzazione, sul suolo privato, di una struttura del genere, considerata alla stregua di un elemento di arredo per esterni, non bisogna richiedere né ottenere alcuna autorizzazione.
Parola del CdS, il quale ha dichiarato che le “strutture di arredo installate su pareti esterne dell’unità immobiliare di cui è ad esclusivo servizio, costituito da struttura leggera e amovibile caratterizzata da elementi in metallo o in legno di esigua sezione, coperta da telo anche retrattile, stuoie in canna o bambù o materiale in pellicola trasparente, priva di opere murarie e di pareti chiuse di qualsiasi genere, costituita da elementi leggeri, assemblati tra loro, tali da rendere possibile la loro rimozione previo smontaggio e non demolizione non configurano né un aumento del volume e della superficie coperta, né la creazione o modificazione di un organismo edilizio, né l’alterazione del prospetto o della sagoma dell’edificio cui è connessa, in ragione della sua inidoneità a modificare la destinazione d’uso degli spazi esterni interessati, della sua facile e completa rimovibilità, dell’assenza di tamponature verticali”.
Viste le caratteristiche tecniche delle pergole bioclimatiche, questi manufatti si possono installare in qualsiasi ambiente esterno privato senza alcun permesso comunale. Le pergole bioclimatiche rappresentano la punta di diamante degli arredi per esterni, poiché sono in grado di rispondere in maniera intelligente agli agenti atmosferici creando una sorta di stanza aggiuntiva “en plain air” da poter sfruttare tutto l’anno. La possibilità di orientare le lame mediante un telecomando permette di gestire la quantità di raggi solari da fare filtrare in base alle proprie esigenze. Al contrario, in caso di pioggia, basta chiudere le lamelle per una sigillatura ermetica.
Il vantaggio è costituito dall’assenza di vincoli legati all’installazione: non essendo subordinate al rilascio di alcun permesso comunale, le pergole bioclimatiche consentono, di fatto, di realizzare un ambiente in più senza il nullaosta del proprio Comune, evitando inoltre il pagamento degli oneri concessori.
Il permesso di costruire è un’autorizzazione amministrativa, prevista dalla legge italiana, che viene rilasciata dal Comune per autorizzare le attività di trasformazione urbanistica e del territorio. Gli interventi subordinati al previo rilascio del permesso di costruire sono contenuti nel Testo unico dell’edilizia e nelle normative edilizie regionali. Il permesso comunale di costruire trova i propri precetti all’interno del d.p.r. n. 380/2001 che individua gli interventi subordinati a permesso di costruire: “gli interventi di nuova costruzione; gli interventi di ristrutturazione urbanistica; gli interventi di ristrutturazione edilizia che portino ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente e che comportino aumento di unità immobiliari, modifiche del volume, della sagoma, dei prospetti o delle superfici o che comportino mutamenti della destinazione d’uso nonché gli interventi che causino modificazioni della sagoma di immobili sottoposti a vincoli ai sensi del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 e successive modificazioni”.
In conclusione, al di là degli interventi di una certa importanza finalizzati alla trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio, la sentenza 1777/2014 del Consiglio di Stato apre la strada a nuovi orizzonti in materia di installazioni che non prevedano opere murarie e pareti chiuse di qualsiasi genere, costituite da elementi strutturali leggeri.