fbpx

Un libro di spettacolari immagini in bianco e nero per raccontare Alanno di notte durante il lockdown, di Sandro Odoardi

Il freddo non ha fermato l’occhio attento di Sandro Odoardi nei difficili giorni del lockdown: il paese deserto ed i suoi angoli più suggestivi sono stati immortalati in una avvincente sequenza fotografica di 34 pose che offrono un viaggio davvero onirico nel borgo.

Scrive il sindaco Oscar Pezzi nelle note finali:

“Gli scatti di Sandro Odoardi, ottimo fotografo che fa onore alla nostra terra, sono un puro atto di amore al suo paese natio. Costituiscono anche la memoria un po’ dolorosa della pandemia che speriamo di lasciarci alle spalle come un brutto sogno. Ora ci prepariamo alla stagione della rinascita, ma non possiamo dimenticare i sacrifici e il dolore di un’intera comunità. Queste foto sospese oltre il tempo sono anche un monito per ricordare le nostre radici e la nostra storia della quale siamo fieri da generazioni. Ogni vicolo, ogni chiesa, ogni torre, ogni strada sono le sentinelle silenziose di questa orgogliosa identità.”

Il docente Americo Carissimo scrive nell’introduzione:

“La cittadina deserta si svela nelle inquadrature con la dualità del borgo di sopra e della città in basso, tagliata dalla ferrovia che ci riporta nel tempo della modernità, fissando il fremito metallico del treno che irrompe nel silenzio della valle. Scatto dopo scatto si apre uno scrigno prezioso di ricordi e visioni, ma anche di attese per il futuro, sperando che un domani nel paese ci sarà un divertito formicolio di vita, anche dopo il tramonto con il sorriso dei bambini, le bancarelle e forse le giostre sognate nell’infanzia. Si parte metaforicamente dalla stazione di Alanno che nell’immaginario collettivo è associata alla figura mitica del capostazione, uomo efficiente e multifunzionale, entusiasta di servire la sua comunità. Sandro Odoardi nelle sue immagini offre un meraviglioso ritratto dell’assenza dove gli uomini si nascondono nel vivere sospeso dalla pandemia come nel Medioevo si sarebbero difesi dalla peste o dalle invasioni barbariche.”

Il libro è acquistabile on line anche sul sito della Studio Impressions di Alanno.