fbpx

Argentero incanta il Marrucino

 
Tutto esaurito e consensi unanimi per il popolare attore che ha portato in scena lo spettacolo “E’ questa la vita che sognavo da bambino?”
Grandi consensi per Luca Argentero e il suo spettacolo “E’ questa la vita che sognavo da bambino?” In scena sabato scorso al Teatro Marrucino di Chieti. L’arrivo del celebre Doc della serie televisiva Rai è stato uno degli eventi più  più attesi della stagione 2022. I biglietti rimasti disponibili al termine della campagna abbonamenti, sono andati esauriti dopo il primo giorno  di vendita. Già dal primo pomeriggio di sabato, diverse fan hanno atteso davanti al teatro l’arrivo dell’attore che si è esibito in un doppio spettacolo, pomeridiano e serale. Un’oca presenza  sul palcoscenico, Argentero ha raccontato le vite di tre sportivi del passato, Luisin Malabrocca, il ciclista inventore della Maglia Nera, in cui le persone riconosco  l’anti-eroe che è nel cuore di ogni italiano; Walter Bonatti, l’alpinista che, dopo aver superato incredibili sfide, scoprì a sue spese che la minaccia peggiore per l’uomo è l’uomo stesso. Il suo sacrificio nel rischiare la vita per centrare il record della montagna, gli fu riconosciuto 50 anni dopo l’impresa. Alberto Tomba, l’insolito sciatore bolognese che ha radunato intorno alle sue gare tutta la nazione, incarnando la rinascita italiana degli anni ‘80. Il protagonista ha narrato personaggi ed aneddoti collegati tra ironia e commenti personali con il supporto di immagini d’epoca. La regia dello spettacolo è di Edoardo Leo, la produzione di Stefano Francioni, le musiche di Davide Cavuti.
Tra una replica e l’altra, Luca Argentero ha incontrato il pubblico (quasi interamente femminile neanche a dirlo) ed ha parlato della tournée teatrale, del successo televisivo di Doc, della sua condizione di uomo fortunato che svolge il lavoro dei sogni e di padre e marito in  una famiglia meravigliosa.
L’attore ha avuto parole di elogio per il Teatro Marrucino: <Mentre recitavo, sentivo di godere della presenza del pubblico- ha detto Argentero- sono sensazioni strane ma normali in spazi belli come questo>.
Il vice Sindaco Paolo De Cesare, presente  all’incontro con i fan insieme al direttore della stagione teatrale Davide Cavuti, ha espresso parole di compiacimento per l’evento: <E’ stata un’emozione vedere il teatro così pieno  due spettacoli hanno dimostrato che si può tornare ai numeri pre- pandemia e che  c’è di puntare sulla cultura per la rinascita>.