fbpx

A Chieti il premio Maiano in omaggio all’inventore di sceneggiati

Dal 30 novembre al 3 dicembre Chieti ospiterà il premio internazionale Maiano, dedicato al padre degli sceneggiati televisivi, nato a Chieti nel 1909, regista di pellicole indimenticabili come “Piccole Donne”, “La Freccia Nera”, “L’Isola del Tesoro” e  molti altri.

Michele Placido e’ stato nominato  presidente della giuria e della Commissione tecnico scientifica Che ogni anno selezionerà i premiati, Gianni Letta sarà il presidente onorario del Comitato Istituzionale. I due organismi sono stati presentati nel teatro Marrucino di Chieti  dal vicesindaco e assessore alla Cultura Paolo De Cesare e dal direttore artistico del Premio Davide Cavuti. Quattro giornate per parlare di cultura con le scuole e presentare libri, con un cineforum e la serata di gala con i premiati del mondo della tv, del cinema, della sceneggiatura. In Commissione con Placido ci sono il critico e scrittore Masolino D’Amico, figlio della sceneggiatrice Suso Cecchi D’Amico; il maestro Bruno Zambrini, compositore cinematografico che lavorò con Majano in “Qui squadra mobile” (1973); l’attrice Laura Efrikian, interprete de “La Cittadella (1964) e “David Copperfield” (1965); Gabriele Antinolfi, dirigente del Centro Sperimentale di Cinematografia; Marco Giudici, già direttore di Rai International; Paola Majano, doppiatrice e figlia del regista, e lo stesso Cavuti.
Nel Comitato istituzionale con Letta sono presenti Gennaro Strever, presidente Camera di Commercio di Chieti-Pescara; il sindaco di Chieti Diego Ferrara; il presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio; Aurelio Bigi, ideatore del Premio nel 2003; Carla Tiboni, presidente dei Premi Flaiano; Sergio Caputi, rettore Università G. d’Annunzio; Giustino Angeloni, presidente “Deputazione Teatrale Teatro Marrucino; Cesare Di Martino, direttore amministrativo del Marrucino; il vicesindaco quale presidente del Premio.
“È un omaggio a un grande personaggio della cultura che ha fatto la storia del cinema e della tv soprattutto – ha affermato Cavuti – un grande sceneggiatore che ha lavorato con i più grandi registi del suo tempo come Blasetti, Mastrocinque, Bragaglia. Il maestro Placido è molto vicino all’Abruzzo e a Chieti, dove ha girato due film, ha collaborato con me a lavori dedicati ai grandi personaggi della cultura abruzzese, Flaiano, Cicognini, Di Venanzio; Majano deve stare di diritto insieme a loro”