fbpx

AL MEDIAMUSEUM, ​PER ALESSANDRO ANGELUCCI

AL MEDIAMUSEUM, PER ALESSANDRO ANGELUCCI GIORNATA DI STUDI E DI RICORDI

Domenica 28 maggio alle ore  17,30 si svolgerà al Mediamuseum  una giornata di studi e di ricordi per Alessandro Angelucci, promossa dalla Fondazione Edoardo Tiboni, dall’Istituto nazionale di Studi crociani e dall’Associazione Citylights. Alessandro Angelucci è scomparso in circostanze tragiche il 30 maggio dello scorso anno mentre accompagnava alcuni studenti in una escursione in Turchia. Angelucci, diplomato archivista presso la Scuola dell’Archivio di Stato di Bologna, si era poi laureato in Storia medievale presso la facoltà di Bologna. Aveva conseguito il Dottorato di ricerca in storia nel 2013 presso la scuola Superiore di Studi Storici dell’Università di San Marino, relatore il professor David Abulafia dell’Università di Cambridge, discutendo la tesi: Frate Ruggero da Brindisi, la Compagnia Catalana e la minaccia turca a Bisanzio: una storia mediterranea (1268-1305). Tra le sue pubblicazioni si ricordano Carlo Martello e la Battaglia di Poitiers: nuove proposte interpretative per un mito storiografico, in «Quaderni del MAES», X, 2007, pp. 91-120. Dalle armi alla diplomazia. Il Regnum Francorum e la politica mediterranea di Bisanzio nel VI secolo, in Venezia e Bisanzio, incontro e scontro tra Oriente e Occidente. Atti del convegno tenutosi a Venezia, 10-11 dicembre 2011, «Porphyra», 17 (2012), pp. 58-73.  Tutti ricordiamo il suo vivace impegno culturale speso generosamente a Pescara attraverso numerosi interventi in conferenze e presentazioni di libri con l’Associazione Citylights, di cui era uno dei soci più attivi, con la delegazione pescarese dell’Associazione Italiana di Cultura Classica, di cui era fondatore e tesoriere e lo scorso anno anche col nostro Istituto nazionale di Studi crociani nell’ambito del ciclo di conferenze «Attualità culturale in dialogo». Alessandro era una persona vivace, un fervido appassionato del sapere che con metodo sicuro e inesauribile curiosità indagava incessantemente, insofferente anche delle angustie disciplinari e accademiche. Franco, generoso e diretto, non mancava a volte di mostrare un’energia, talora spiazzante, ma sempre espressiva dell’autenticità che era la fonte della sua battaglia per le idee e per la conoscenza. Ospite d’onore della giornata sarà il professor Franco Cardini, che è stato uno dei docenti di Alessandro nel corso di Dottorato, che terrà una relazione sull’apporto scientifico delle ricerca del giovane agli studi storici. Un suo antico compagno di studi, Antonio Musarra, già affermato studioso di Genova medioevale, tema cui ha dedicato alcune monografie (tra le quali ricordiamo Genova e il mare nel Medioevo, edito da Il Mulino), si soffermerà sui temi affrontati da Alessandro nella sua tesi dottorale, che si spera possa essere presto pubblicata. Successivamente ci sarà il momento dei ricordi con brevi interventi di Federica D’Amato, Giovanni Di Iacovo, Chiara Frugoni, Angelica A. Montanari, Filippo Montefusco, Enrico Santangelo, Alessandro Vanoli.

Modererà i lavori Marco Presutti.

A conclusione ci sarà un concerto finale degli amici del Master in Teatro e Musica dell’Università “G. d’Annunzio”, nel cui ambito Alessandro aveva avuto un insegnamento sul teatro medievale. Si esibiranno Luca Dragani (flauto dolce), Stefania Salladini (voce), Nicola Di Nardo (pianoforte), Marco Iezzi(tenore).  La giornata permetterà di svolgere una prima ricognizione del Fondo bibliotecario “Alessandro Angelucci” costituito dai libri di Alessandro che la sua famiglia ha affidato alla Fondazione Edoardo Tiboni perché  possano essere consultati dagli studiosi e in particolar modo dai giovani. Il fondo, costituito soprattutto da opere di storia, di narrativa e di filosofia, è in corso di catalogazione.

L’incontro si terrà nella sala conferenze del Mediamuseum (piazza Alessandrini 34, 65127 Pescara).

Ingresso libero.