fbpx

ARRIVA LA SOCIAL CARD!

Arriva la Social card 2014, una carta acquisti particolare, da non confondere assolutamente con la classica social card. Al momento in Italia circolano due differenti carte acquisti: c’è la social card sperimentale e la social card ordinaria. Per quanto riguarda la prima, ovvero la social card straordinaria, questa è ancora in fase di sperimentazione dallo scorso anno e nel corso del 2014 è stata estesa a tutto il Sud Italia oltre che a dodici città tra le quali Bari, Bologna, Catania, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino, Venezia e Verona dove è già attiva dallo scorso 2013. La nuova special card, si differenzia dalla card normale in quanto obbliga coloro i quali ne usufruiscono ad un percorso di reinserimento lavorativo. Con questa card, si dispone mensilmente di un importo che varia dai 231 euro per i nuclei familiari da due persone fino ad un massimo di 400 euro. Di seguito elencheremo i requisiti di reddito per poter usufruire della social card straordinaria 2014, ovvero:

– essere cittadino italiano o comunitario oppure straniero in possesso del permesso di soggiorno, che sia residente nel Comune in cui presenta domanda da almeno 1 anno
– reddito ISEE, inferiore o uguale a 3.000 euro
– per chi è proprietario dell’abitazione, il valore ai fini dell’ICI della casa di residenza inferiore a 30.000 euro patrimonio mobiliare inferiore a 8.000 euro
– il valore complessivi di altri aiuti economici, di natura previdenziale, indennitaria e/o assistenziale inferiore a 600 euro mensili
– non possedere alcun veicolo immatricolato nei 12 mesi antecedenti la richiesta
– non essere in possesso di autoveicoli di cilindrata superiore a 1.300 cc nonchè motoveicoli di cilindrata superiore a 250 cc. immatricolati nei tre anni antecedenti
– presenza nel nucleo famigliare di almeno un componente di età minore di 18 anni
– nessun componente del nucleo familiare deve prestare attività lavorativa al momento della richiesta del contributo e almeno un componente deve aver cessato un rapporto di lavoro, oppure almeno un componente deve avere un rapporto di lavoro il cui reddito percepito nei 6 mesi antecedenti la richiesta, non sia superiore a 4.000 euro
– verrà data precedenza, a parità di altre condizioni, a famiglie che presentino un disagio abitativo, famiglie con un solo genitore con figli minorenni, genitore con figli disabili, famiglie con 3 o più figli.

Per poter richiedere la card, bisogna recarsi presso il proprio Comune di Residenza dove la sperimentazione è stata avviata, solo nel periodo tra luglio e agosto.

ANCORA NESSUN COMMENTO

I commenti sono chiusi