fbpx

Ciao Paolo, chitarrista tra le stelle

Paolo Giordano aveva un talento immenso ed innato, coltivato con anni di studio, impegno e autentica passione. Aveva composto brani bellissimi ed innovativi, collaborato con artisti importanti come Lucio Dalla e Biagio Antonacci. Guardarlo ed ascoltarlo sul palco era uno spettacolo, tra il sound unico emesso dalle corde della sua chitarra elettrica e le tecniche elaborate che sapeva applicare con semplicità allo strumento: percussioni, tapping, fingerstyle. Lontano dai riflettori, il chitarrista conquistava lo spettatore con l’umiltà, la schiettezza e la delicatezza nei modi. Apprendere che il Covid-19 ha portato via anche lui, a soli 59 anni, lascia increduli ed in preda allo sconforto.

Le nostre più sentite condoglianze alla famiglia con un abbraccio particolare alla figlia Icaro, astro nascente del genere Indie, di cui papà Paolo andava orgoglioso. Biagio Antonacci ricorda così il collega e collaboratore scomparso e noi ci uniamo alle sue parole, immaginando Paolo con l’inseparabile chitarra ad incantare gli angeli tra le stelle dove la sua bontà lo ha portato.

<Ciao Paolo. Hai suonato la chitarra slide in “Se è vero che ci sei”. Ora, da dove il cielo è più sereno, continuerai a percorrere la musica accarezzando la grazia. Uomo umile, di talento sincero>.
di Mila Cantagallo