fbpx

Abruzzo: Codice Citra ottiene importanti riconoscimenti

Codice Citra, la principale realtà vitivinicola abruzzese, ha ottenuto ben otto importanti riconoscimenti dal 5 StarWinesthe Book, la selezione annuale di vini organizzata da Veronafiere.

Il vincitore indiscusso di questa edizione è il Pecorino che, sia nella versione ferma sia in quella spumante, primeggia sul podio solitamente riservato al Montepulciano d’Abruzzo Doc. Infatti, l’Abruzzo Pecorino Doc Superiore “Ferzo” 2019 e lo Spumante Pecorino Brut Millesimato Metodo Classico “Fenaroli” 2017 hanno ottenuto entrambe una votazione di 93/100.

A seguire c’è il Montepulciano d’Abruzzo Doc “Bisanzio” 2019 che, con i suoi sentori di amarena e le note frutti di bosco, viola e spezie,

ha conquistato i giudici internazionali al pari dello storico Montepulciano d’Abruzzo Doc Riserva “Caroso” 2015, entrambe hanno ottenuto un punteggio di 92/100. Per arrivare ai vini che hanno avuto una valutazione di 90/100 tra cui spiccano l’Abruzzo Passerina Doc Superiore “Ferzo” 2019, le bollicine Metodo Martinotti, con il Pecorino Spumante Brut “RINO” e Metodo Classico con il Pecorino Millesimato “Fenaroli” 2015 e il Montepulciano d’Abruzzo Doc “Palio” 2017.

“Siamo molto contenti di questo ricco medagliere. – dichiara Valentino Di Campli, Presidente di Codice Citra – Essere la realtà più premiata in Abruzzo ci riempie di orgoglio e sottolinea, ancora una volta, il nostro impegno nella ricerca enologica orientata alla sostenibilità e al miglioramento della qualità delle nostre uve. Voglio ringraziare tutto il Codice Citra Wine Team per gli sforzi fatti in questi anni e la passione nel loro lavoro, soprattutto per far apprezzare e conoscere i nostri vitigni autoctoni.”

“Prima di tutto, ci tengo a ringraziare i colleghi di Codice Citra e i tecnici, agronomi ed enologi, delle cantine associate. I risultati raggiunti sono stati possibili grazie al lavoro di squadra del Codice Citra Wine Team. – afferma Davide Dias, Responsabile Tecnico di Codice Citra – Finalmente, l’impegno di questi anni sta portando i frutti desiderati, ma noi non ci fermiamo e, anzi, continuiamo con entusiasmo a migliorarci. Abbiamo deciso di ripartire dalla vigna, “mappare” tutti i vigneti ed essere sempre di più a stretto contatto con i soci vignaioli per favorire una viticultura sostenibile. Lavorando tutti insieme riusciamo a monitorare al meglio l’intera filiera produttiva «dalla vigna alla bottiglia» e garantire la tracciabilità delle uve, indispensabile per realizzare produzioni di alta qualità e per la trasparenza nei confronti dei consumatori.”

Il 5StarWines-the Book, giunto alla quarta edizione, ha visto la partecipazione di più di 2.000 vini alla Selezione; di questi, 848 sono stati selezionati e quindi inseriti nella guida 5StarWines – the Book. Al fine di adempiere alle disposizioni in materia di salute e sicurezza istituite per contrastare la diffusione del COVID-19, la degustazione alla cieca si è svolta in maniera “agile”, ovvero, i campioni di vino sono stati spediti ai giudici internazionali selezionati, i quali hanno degustato alla cieca connessi in video conference dal proprio Paese di residenza ed espresso la valutazione tramite WebApp, poi coordinata e supervisionata dal team d’istanza a Verona.

Codice Citra, fondata nel 1973, raggruppa nove cantine della provincia di Chieti, ed è la principale realtà produttiva vitivinicola d’Abruzzo, che unisce tecnologia, controllo e competenze di una grande azienda alla qualità e alle peculiarità del lavoro tradizionale di 3.000 famiglie di soci vignaioli che coltivano 6000 ettari di vigneti.

ANCORA NESSUN COMMENTO

I commenti sono chiusi