fbpx

Consorzio Vini d’Abruzzo: attività, iniziative, curiosità.

Anche in quest’anno così particolare ci avviciniamo al Natale con tutte le sue tradizioni e l’Abruzzo ha da offrire davvero tanto in questo periodo speciale. Dalle rappresentazioni tradizionali più famose ai prodotti tipici, ti portiamo in un piccolo viaggio nella tradizione natalizia abruzzese, con la speranza di poter vivere serenamente queste festività.

QUALE VINO SCEGLIERE PER LE FESTIVITÀ?

Montepulciano d’Abruzzo DOC: il Re delle feste

Il Montepulciano d’Abruzzo,
si sa, è il re delle tavolate natalizie.

Si abbina ottimamente a tutte le portate della tradizione del pranzo di Natale.

Dal timballo al brodo col cardone, sino alle pietanze di carne più tipiche della regione.
Nelle migliori enoteche di tutta Italia e nel mondo troverai un’ampia scelta di Montepulciano d’Abruzzo.

Passerina o Pecorino. Lo spumante ideale

Gusto fresco e pieno, ottima mineralità e la giusta acidità.

La spumantizzazione con metodo Classico o Martinotti rendono le uve Passerina, Pecorino, Cococciola e Montonico uve ideali per realizzare ottime bollicine da abbinare a piatti delicati, antipasti o anche per accompagnare i pasti durante le festività natalizie.

Scopri le bollicine abruzzesi nelle migliori enoteche o direttamente dai produttori.

EVENTI E TRADIZIONI

Da Rivisondoli a Lanciano, l’Abruzzo si prepara al Natale.

Il presepe vivente di Rivisondoli è una delle manifestazioni tradizionali più in vista dell’intera regione. Si svolgerà il 5 Gennaio 2021 e questa sarà la 70ma edizione.

A Lanciano il 23 dicembre il ripetuto rintocco della campana della torre civica, che suona dalle 18.00 alle 19.00 ricorda a tutti di pregare e perdonare, rinnovando e rinsaldando i vincoli di amicizia.

Tante altre sono le iniziative regionali tradizionali

Per scoprirle tutte scarica l’App Percorsi Abruzzo, realizzata dal Consorzio Vini d’Abruzzo per valorizzare i luoghi, le iniziative, gli eventi e incentivare l’enoturismo nella regione.

Gli zampognari, una tradizione secolare

Gli zampognari abruzzesi sono tra i più antichi di questa tradizione artistica, famosa in tutto il mondo. I pastori abruzzesi arrivavano a Roma, a Napoli e in altre città nel periodo che precede il Natale e andavano nelle strade portando la loro musica, tramandata dalle generazioni precedenti.

Gli zampognari costruivano la loro zampogna autonomamente, inizialmente forando una tibia di pecora (assai disponibile per loro) inserita in un’otre di pelle (sempre di ovino) che costituisce il serbatoio dell’aria, per la maggiore insufflazione necessaria per suonare lo strumento.
Nelle strade ancora oggi è possibile trovare gli zampognari nel periodo di Natale.

A NATALE REGALA UN PRODOTTO ABRUZZESE

Scegli i vini d’Abruzzo per i tuoi regali di Natale!

In quest’anno particolare vogliamo essere vicini ai nostri produttori.

All’interno del sito web vinidabruzzo.it trovi una sezione interamente dedicata agli e-commerce delle cantine abruzzesi, dove potrete acquistare vini e confezioni regalo per le tue festività o per chi ti sta più a cuore.

LE RICETTE DELLA TRADIZIONE ABRUZZESE

Dal Baccalà al Timballo, dal Parrozzo ai Cacionetti.
La tradizione natalizia abruzzese offre una scelta varia e gustosa.

Le festività natalizie cominciano con il pesce: il cenone del 24 Dicembre, Vigilia di Natale, in Abruzzo è spesso a base di baccalà: fritto in pastella, arrosto con i peperoni e chi più ne ha più ne metta, il baccalà è ottimamente abbinato ad una bollicina, un bianco fermo o un Cerasuolo d’Abruzzo.

Per il pranzo del 25 Dicembre, l’immancabile Timballo all’abruzzese non è la lasagna che molti conoscono e ogni provincia ha la sua variante, che gelosamente annovera come “l’unico timballo”. Il Montepulciano d’Abruzzo, qui, è d’obbligo.

Non manca di certo sulle tavole degli abruzzesi il brodo con il cardone, un altro piatto tipico che prevede l’utilizzo dei cardi, una pianta che somiglia molto a quella del carciofo, ma con foglie a coste più grosse e tenere.

Il secondo piatto è solitamente di carne: arrosto o al forno, salsicce, agnello, vitello e ogni specialità delle nostre campagne e montagne viene messa a tavola. Continuate pure con il Montepulciano d’Abruzzo, si abbinerà perfettamente alla carne.

I dolci della tradizione sono innumerevoli e variano da zona a zona: i “calcionetti”, fagottini di sfoglia fritti e ripieni di marmellata o crema di ceci, il parrozzo, dolce dannunziano per eccellenza, i “celli pieni”, e tante altre specialità imbandiscono le tavole abruzzesi nel periodo natalizio. Accompagnate i dolci con una buona bollicina abruzzese o con un vino dolce della nostra regione.

COMUNICAZIONI E SOCIAL

Condividi, tagga e usa sempre l’hashtag #vinidabruzzo e #abruzzowines!

Consorzio Vini d’Abruzzo si occupa della comunicazione di tutte le attività, eventi, rassegna stampa e altro attraverso i canali di informazione e comunicazione digitali e non.

Sui loro canali ufficiali trovi foto, video e informazioni che condividono con tutti coloro che vogliono seguirli.

Aiutali a far crescere la community, condividendo i loro contenuti, taggando il Consorzio nei tuoi post e nelle stories con la menzione @vinidabruzzo e gli hashtag #vinidabruzzo e #abruzzowines.

Scarica l’App Percorsi e falla scaricare ai tuoi contatti: è uno strumento utile, completo e sempre aggiornato per conoscere gli eventi, i luoghi del gusto e le centinaia di tappe turistiche e culturali del territorio abruzzese.

SCOPRI L’ABRUZZO DEL VINO E DELLA CULTURA

Percorsi: il progetto di enoturismo ideato e promosso dal Consorzio per valorizzare il territorio e le Cantine abruzzesi.

Il Consorzio Vini d’Abruzzo è ideatore e promotore del progetto “Percorsi: Discover Abruzzo Wine”, un’applicazione per smartphone e un sito web dedicati all’enoturismo regionale.

Oltre 15 itinerari guidati, più di 100 tappe e punti di interesse, tutte le cantine d’Abruzzo e tutto il patrimonio enogastronomico più interessante della regione in un’app scaricabile su iOs e Android.

Un’App da avere sempre in tasca e da condividere, sempre aggiornata e ricca di informazioni e curiosità.

ANCORA NESSUN COMMENTO

I commenti sono chiusi