fbpx

CPO di Pineto: per la Giornata della Memoria un video per non dimenticare

Sarà diffuso mercoledì mattina, sulla pagina Facebook della Commissione per le Pari Opportunità del Comune di Pineto, in occasione della Giornata della Memoria, un video realizzato per l’occasione dal Prof. Domenico Di Felice docente e formatore cinematografico di Tossicia (TE).

In un anno caratterizzato dalla pandemia e nell’impossibilità di creare momenti di sensibilizzazione in presenza, la CPO di Pineto presieduta da Anna D’Amario, ha deciso di utilizzare uno strumento fruibile attraverso numerosi canali e in assoluta sicurezza ciascuno dal proprio dispositivo.

Un lavoro che è un continuum con “La giornata della Memoria dell’Abruzzo e degli abruzzesi”, l’evento organizzato dalla CPO lo scorso anno per la stessa ricorrenza e che vuole porre l’attenzione su una realtà locale, quella abruzzese, scenario e luogo di numerosi e tristi accadimenti durante la Seconda Guerra Mondiale.

Il video oltre ad essere pubblicato sulla pagina Facebook della CPO e altri canali Social, sarà inviato a chiunque ne farà richiesta alla mail cpo@comune.pineto.te.it

“Nonostante le limitazioni Covid abbiamo voluto rispettare la nostra tabella di marcia e il nostro impegno soprattutto verso le nuove generazioni – ha dichiarato la Presidente della CPO Anna D’Amario- Abbiamo provato una forma di comunicazione diversa con cui condividere un piccolo spaccato di storia del nostro territorio negli anni dell’applicazione della legge razziale del 1938. Un modo per sentire che ciò che leggiamo sui libri di storia non è accaduto lontano ma lo abbiamo vissuto sulla nostra pelle, nei numerosi campi di prigionia sparsi in provincia di Teramo. Per non dimenticare bisogna conoscere per poi riconoscere”.

“Anche se il Covid ci ha impedito di creare un evento pubblico in presenza -ha dichiarato l’Assessora alle Pari Opportunità Marta Illuminati- è apprezzabile il supporto della CPO che puntualmente, come ogni anno, dedica tempo e idee per rinnovare un momento storico del quale non dobbiamo mai perdere la memoria”.