fbpx

Domenica a Pescara la Regata dei Gonfaloni

La Regata dei Gonfaloni è ormai un classico per le marinerie pescarese e dell’Adriatico. Quest’anno saranno 21 gli equipaggi iscritti alla manifestazione, che ha certamente il sapore della competizione e del sano campanilismo ma che rappresenta principalmente una celebrazione delle tradizioni legate al mare. I partecipanti sono infatti sempre stati personaggi che del lavoro e della cultura popolare hanno saputo interpretare il carattere unico. La 27sima edizione della manifestazione è stata presentata questa mattina nel corso di un incontro con i giornalisti cui hanno partecipato il sindaco Carlo Masci, l’assessore allo Sport Patrizia Martelli e il presidente dell’associazione Il Maestrale, Fabrizio Verzulli. Domenica 4 settembre le marinerie rappresentate si sfideranno ancora una volta all’interno del porto canale di Pescara.<Io vissi direttamente la nascita di questa manifestazione nel 1995 – ha detto il sindaco Carlo Masci – perché allora ero assessore al Turismo. Mai come quest’anno Pescara ha vissuto sul mare e questa regata ne è la conferma, in una stagione che ha visto la nostra città riempirsi di turisti che hanno goduto del nostro mare Bandiera Blu e di numerose manifestazioni che l’anno resa più bella e attrattiva. Riguardo alle tradizioni che questa manifestazione rappresenta, l’amministrazione sta lavorando sul museo del Mare che avrà uno spazio dedicato alla “gente di mare”. Quella bellissima struttura è in fase di riqualificazione e sarà pronta entro la fine dell’anno. La Regata dei Gonfaloni è un altro elemento identitario, di forza rievocativa ma anche di interesse turistico e noi siamo quindi orgogliosi di poter ricevere qui molte marinerie dell’Adriatico>. La prima volta della Regata risale infatti al 1995, quando l’associazione “Il Maestrale” immaginò questa sana gara sportiva; l’evento ha assunto una notorietà crescente nel bacino dell’Adriatico, e in alcune edizioni ha visto anche la partecipazione di equipaggi della sponda croata. L’evento sportivo si svolge con dieci vogatori per squadra, oltre a un timoniere, i quali si sfidano sulla distanza di un miglio marino, con due giri di boa per gli uomini e un giro di boa per le donne.

<Un forte ringraziamento – ha detto l’assessore allo Sport Patrizia Martelli – va rivolto alla famiglia Verzulli che con tanta determinazione porta avanti da ben 27 anni questa manifestazione che assume un valore straordinario perché rappresenta Pescara e ne custodisce la tradizione. Non si tratta quindi solo di una competizione, ma si riafferma quel legame con la storia della città che non va disperso ma, anzi, tutelato>.

La manifestazione, che gode del patrocinio del Comune di Pescara e della Regione Abruzzo, nacque da un’idea di Giovanni Verzulli, storica figura della Marina sud, che con il suo impegno e la sua dedizione ne ha permesso la realizzazione per ben 23 volte, fino alla sua scomparsa.

Oggi il timone dell’associazione è passato al figlio Fabrizio, che con la collaborazione della famiglia continua nella tradizione e in memoria del padre Giovanni. <Ogni anno – ha detto Fabrizio Verzulli – abbiamo l’occasione di vedere quanto sia forte il rapporto con tutti i nostri colleghi della costa adriatica, nonostante le difficoltà che stiamo attraversando. In questa edizione i partecipanti sono addirittura aumentati e questo ci rende felici>,
La manifestazione sportiva della domenica 4settembre sarà preceduta da una serata sabato 3 Settembre all’insegna del cibo (pesce locale) e di spettacoli musicali e folkloristici.