fbpx

GIORNATA MONDIALE DELLA CROCE ROSSA

La rassegna Musica e Società, organizzata dallo scorso novembre dalla Fondazione Dean Martin dall’Orchestra Femminile del Mediterraneo, con il patrocinio del Comune di Pescara, dellaCommissione Pari Opportunità della Regione Abruzzo e della Fondazione PescarAbruzzo, si chiude con l’ultimo concerto della stagione, in occasione della Giornata Mondiale della Croce Rossa, in programma domenica 10 maggio alle ore 21 presso il Teatro Massimo di Pescara. L’evento è stato presentato questa mattina alla presenza della presidente della Commissione Pari Opportunità Gemma Andreini, dell’assessore comunale all’Associazionismo Sandra Santavenere, del presidente della sezione di Pescara della Croce Rossa Matteo Mattioli, della presidente dell’Associazione I Colori della Vita Giovina Zulli, della presidente della Fondazione Dean Martin Alessandra Portinari e del direttore d’orchestra Antonella De Angelis.

La serata si annuncia come l’evento clou del mese di maggio per l’alta valenza degli artisti e per il programma musicale molto ricercato. Saliranno sul palco del Teatro Massimo il pianista Michele Di Toro e l’Orchestra Dean Martin, diretta da Antonella De Angelis, insieme per la seconda volta, dopo il successo ottenuto lo scorso dicembre nel Premio Dean Martin. Durante la manifestazione verrà effettuata una raccolta fondi a favore della sezione di Pescara della Croce Rossa per l’acquisto di un’ambulanza di rianimazione e per sostenere l’iniziatva dell’Associazione I Colori della Vita, impegnata nel progetto “Il sorriso nel cuore” per l’acquisto di parrucche a favore di pazienti oncologiche. La presidente Giovina Zulli sta effettuando infatti una raccolta firme affinché la Regione possa riconoscere la protesi della parrucca gratuitamente. Due azioni differenti ma mirate al benessere e alla salute della persona, un obiettivo raggiunto fin dal primo appuntamento della fortunata rassegna, che ha contribuito a far conoscere e a sostenere le iniziative di numerose associazioni che operano sul territorio.

    Nella prima parte della serata verranno eseguite musiche del compositore gallese Karl Jenkins,dell’inglese Frederick Delius e di Maurice Ravel. Nella seconda parte due noti brani di George Gershwin: Rhapsody in Blue e Funny Face.

“Con Musica e Società  – afferma Alessandra Portinari, presidente della Fondazione Dean Martin – abbiamo dimostrato di poter fare cultura con scelte di qualità, raggiungendo anche una parte di pubblico che non aveva mai visto un’orchestra dal vivo e abbiamo creato una rete sul territorio capace di condividere progetti e iniziative delle varie realtà associative presenti. Il nostro obiettivo era appunto quello di fare cultura sostenibile in un momento di crisi e di assenza di fondi per le associazioni. Nei vari appuntamenti c’è stata sempre un’importante presenza di pubblico, registrando il tutto esaurito in numerosi spettacoli. Musica e Società è stato un veicolo di sensibilizzazione tra i vari artisti, che si sono alternati sul palco in questi mesi e le varie realtà sociali alle quali abbiamo dato voce e sostegno. La nostra rassegna è stata inserita, con due spettacoli, anche nel cartellone degli appuntamenti di Expo in Città al Teatro Pime di Milano, riscuotendo notevoli consensi da parte di pubblico e critica”.

“Tutti i compositori scelti per il concerto di domenica 10 maggio – spiega Antonella De Angelis, direttore d’orchestra e organizzatrice della rassegna – hanno un comune denominatore, l’approccio al jazz partendo dalla musica colta e impressionista, attraverso sonorità armoniose e seducenti. Si ripropone il brano Palladio scelto come leitmotiv dello spettacolo sulla Shoah “Ad Auschiwitz c’era un’orchestra femminile” del compositore vivente nonché sassofonista jazz rock Karl Jenkins che nel comporre l’opera in forma di Concerto Grosso riprese i principi matematici del grande architetto. Così nella musica di Gershwin, che si trasferì a Parigi per studiare con Ravel, si possono ascoltare contaminazioni impressioniste e in Ravel  interesse per il blues. Di Gershwin proporremo, con il bravissimo Michele Di Toro, Rhapsody in Blue uno dei lavori più noti e apprezzati per pianoforte e orchestra”.

PROGRAMMA

Karl William Pamp Jenkins (1944) compositore musicista gallese. Figlio di un organista e direttore di coro fu istruito dal padre ed entrò nella National Youth Orchestra of Wales come oboista. Studiò musica alla Royal Academy of Music. Entrò nel gruppo di Graham Collier per poi fondare i Nucleus  con i quali ottenne il primo premio al Montreux Jazz Festival del 1970. Conosciuto come sassofonista jazz e jazz rock. Palladio è una composizione per orchestra d’archi scritto nel 1995. Il titolo si riferisce all’architettoAndrea Palladio (1508-1580). L’opera è in forma di concerto grosso. Il motivo del primo movimento è stato utilizzato per lo spot televisivo “Un diamante è per sempre”. “Proporzioni armoniose e la matematica” giocano un ruolo nella musica, l’architetto rinascimentale Palladio come basò i suoi progetti su antichi modelli romani e studiando in particolare le misure di Vitruvio. Jenkins, a sua volta basa la sua musica sui “principi matematici armoniosi” del Palladio.

Frederick Albert Theodore DELIUS (1862 – 1934) è stato un compositore  inglese. Viene comunemente definito un compositore impressionista, sulla scorta delle innovazioni apportate da compositori quali Claude Debussy dopo il superamento del modello romantico e tardoromantico; la sua opera, di carattere sostanzialmente meditativo ed introverso, malinconico ed evocativo, naturalmente incline ad una forma non banale di descrittivismo musicale.

On Hearing the First Cuckoo in Spring (ascoltando il primo cuculo in primavera) è considerato una perfetta rievocazione di un mattino di primavera in Inghilterra. Il primo tema è l’imitazione del verso del cucù il secondo tema è tratto da una canzone popolare norvegese, melodia sublime che attraversa tutto il brano.

Maurice RAVEL (1875 – 1937)  compositore, pianista e direttore d’orchestra francese Considerato impressionista al pari di Ravel  Debussy, fu influenzato anche dalla musica russa e spagnola, e dal jazz degli Stati Uniti, come si desume dal movimento intitolato Blues della sua sonata per violino e pianoforte e dal clima del Concerto per pianoforte per la mano sinistra.  Quando il compositore americano George Gershwin incontrò Ravel, gli parlò del desiderio di studiare, se possibile, con il compositore francese. Quest’ultimo rispose: “Perché dovresti essere un Ravel di secondo livello quando puoi essere un Gershwin di primo livello?”   Ravel scrisse la Pavana da studente presso il Conservatorio di Parigi all’età di 24 anni, nel 1899 Il titolo si riferisce all’idea di descrivere “una pavana che una piccola principessapuò aver ballato in tempi passati presso la corte spagnola”In essa si avverte la presenza di un artista abilissimo nell’uso degli impasti timbrici e delle sonorità armoniose e seducenti, dotato di un sottile e lucido autocontrollo tale da calibrare l’invenzione melodica anche nei momenti in cui sembra dare sfogo ad accenti ed inflessioni patetiche, senza tuttavia cercare l’effetto e l’exploit virtuosistico fine a se stesso.

George GERSHWIN ( 1898 – 1937) compositore, pianista, direttore d’orchestra statunitense la sua opera spazia dalla musica colta al jazz. Iniziatore del musical americano, tra le sue opere più note ricordiamo Un americano a Parigi (1928),  Porgy and Bess (1935). Nel 1924,  in meno di tre settimane, Gershwin compose il suo lavoro più apprezzato: Rhapsody in Blue, per pianoforte e orchestra; una composizione classica che combina cinque melodie differenti e alterna il classicismo al jazz e che fu eseguita il 12 febbraio 1924.

Nel 1927 è la volta del successo di Funny Face. Nel 1928 George e  suo fratello, si stabilirono per un breve periodo a Parigi, dove George si dedicò principalmente allo studio della composizione. Numerosi compositori, tra i quali anche Maurice Ravel, rifiutarono però di insegnare loro, temendo che il rigore della classicità potesse reprimere la sfumatura jazz di Gershwin.

michele di toro giornata mondiale croce rossa De Angelis Antonella 1

ANCORA NESSUN COMMENTO

I commenti sono chiusi