fbpx

GIRO DI BANDA

Il viaggio in America della Banda di Chieti Il 30 aprile all’Auditorium Flaiano di Pescara, ore 21, andrà in scena lo spettacolo “Giro di Banda”, ultimo lavoro dell’autore abruzzese Peppe Millanta dedicato al nostro territorio, che ripercorrerà una della pagine più entusiasmanti e sconosciute della storia musicale della nostra Regione. È il 1934 quando la Banda di Chieti parte per una trionfale tournée negli Stati Uniti, che la consacrerà come la migliore formazione dell’epoca. “Una grande Banda ha incantato l’America”, titolerà il New York Times. Una vicenda affascinante di uomini comuni, eroi di un tempo che non c’è più, capaci di fare cose grandiose con l’umiltà e l’umanità proprie di chi conosce la dura vita del bandista e dell’arte di arrangiarsi. Una storia dimenticata che riemerge dalle parole di Scipiò, l’ultimo testimone immaginario di quel meraviglioso viaggio, che ha incrociato per sempre i destini di quei musicisti portando l’Abruzzo ed i suoi interpreti nella leggenda. Lo spettacolo, scritto e diretto da Peppe Millanta, è interpretato da Ezio Budini, con le scenografie di Francesco Vitelli e le musiche dei quaranta musicisti della Grande Orchestra di Fiati Teate “Città di Chieti” diretta da Marco Vignali. Luci e fonica sono curate dal Black Service di Dario Marcheggiani, il progetto grafico e video da Matteo Sabatini, il progetto audio da Giampiero Ulacco. L’evento, patrocinato dalla Regione Abruzzo e dai Comuni di Spoltore e di Francavilla al Mare, è organizzato da Giovanni De Massis, Presidente della Zona B della V Circoscrizione del Lions Club International, al fine di raccogliere fondi per il progetto “Adottiamo un villaggio a Woolisso”, in Etiopia. Seguirà il concerto della Grande Orchestra di Fiati Teate Città di Chieti, che presenterà il programma della prossima stagione e riproporrà al pubblico alcune opere ritrovate del Maestro Giustino Scassa, storico Direttore della Banda di Pescara e della Centenaria di Spoltore. Interverranno il giornalista Franco Farias e Antonio Botticchio, Presidente della Anbima Abruzzo. Si ringraziano i Lions Club di Pescara Host, Montesilvano, Chieti I Marrucini, Chieti Host, Pescara Ennio Flaiano, Guardiagrele, Loreto Aprutino-Penne. Nota dell’Autore Raccontare la Banda equivale a raccontare un mondo parallelo, Un mondo che ci appartiene ma che è di difficile decifrazione per chi, la Banda, non l’ha mai vissuta. Ha codici di comportamento tutti suoi, spesso feroci, e slanci di umanità difficilmente trovabili altrove.  È  un luogo in cui vite su vite si sono intrecciate, accalcate, scontrate, divertite, abbracciate, in cui tutto si è condiviso, dai trionfi alla fame, e tutto si è perduto con lo sguardo impassibile di chi con la vita è abituato a farci a pugni. È un mondo regolato da santi sconosciuti e che utilizza un linguaggio a parte, clandestino. Non sono molti i luoghi in cui sia possibile trovare tanta umanità e tante storie nei pochi metri che delimitano una Cassa Armonica. Lo spettacolo parla volutamente del momento più alto di questa piccola epopea nostrana. Una sorta di riscatto per chi eroicamente ha combattuto il proprio destino armato soltanto del proprio strumento. Una storia che è stata spolverata strato su strato dalle nebbie del passato, per cercare di riportarla allo splendore che fu e che meriterebbe.