IL 5 MAGGIO IL DEBUTTO DI CARLO GRANTE CON L‘OSA

Manca meno di una settimana al concerto straordinario che vedrà giovedì 5 maggio alle ore 18,30 l’Orchestra Sinfonica Abruzzese (con elementi dell’Orchestra Giovanile Abruzzese) sul palco dell’Auditorium “Gen. S. Florio” con il pianista Carlo Grante, aquilano di nascita che gode di fama internazionale. Direzione affidata al maestro Sesto Quatrini. Nel 150° anniversario della nascita di Ferruccio Busoni (1866-1924), compositore italiano ed europeo tra i maggiori e più originali del Novecento, Carlo Grante è stato invitato dall’Istituzione Sinfonica Abruzzese a debuttare con la sua orchestra in un programma che include due rarità busoniane: la Fantasia Indiana op. 44 per pianoforte e orchestra e la Lustspiel Ouverture per orchestra. Il programma è completato dalla celebre Sinfonia n. 4 “Italiana” di Mendelssohn. Il debutto di Carlo Grante, pianista in residenza 2016 dell’ISA, con l’Orchestra Sinfonica Abruzzese, rappresenta un’occasione di grande orgoglio per l’Istituzione marcando il segno del suo contributo alla crescita della città e alla sua ricostruzione attraverso una forte sinergia con le forze artistiche che ne sono espressione. Il maestro Carlo Grante ha infatti aderito all’invito del direttore artistico Luisa Prayer ad esibirsi con l’orchestra dando a questo momento un significato più ampio. Su suo impulso, infatti, si sono creati dei comitati promotori dell’attività dell’orchestra, perché, secondo il suo pensiero “la ricostruzione passa in grande parte dalla cultura, perché le attività musicali e culturali rinsaldano il tessuto sociale della città, e ne consentiranno una ripresa più rapida”.  Il grande pianista, con generosità e slancio, sta lavorando per richiamare intorno all’ente musicale più importante della Regione l’affetto e l’attenzione del grande pubblico ed è la prima volta che un artista aquilano compie un gesto così esplicito per rendere il pubblico maggiormente consapevole che un’orchestra residente costituisce un enorme patrimonio e una grande potenzialità per la vita sociale e culturale di una città. Carlo Grante è uno dei più attivi e apprezzati pianisti della discografia contemporanea e nome noto alla critica internazionale; la sua vasta discografia, che conta attualmente più di cinquanta titoli, spazia da Domenico Scarlatti, di cui sta realizzando a Vienna la registrazione integrale delle Sonate (un progetto nato sotto il patrocinio di Boesendorfer e Badura-Skoda), Giovanni Benedetto Platti, Muzio Clementi, a Liszt e Schumann, fino a protagonisti del Novecento storico come Godowski e Busoni.  L’attività concertistica, che presenta uno dei più vasti repertori pianistici contemporanei, lo ha portato ad esibirsi in importanti istituzioni concertistiche e sale di prestigio in Italia e all’estero. Nato all’Aquila, Grante si è diplomato in pianoforte con Sergio Perticaroli al Conservatorio S. Cecilia di Roma; si è laureato all’Università di Miami e ha seguito i corsi master – post laurea a New York; in seguito si è trasferito a Londra, a Vienna, dove si è perfezionato con Paul Badura-Skoda. Alle sue molteplici attività musicali si aggiungono quelle di studioso della letteratura pianistica e della metodologia applicata e di traduttore di importanti testi musicologi. Oltre al debutto di Grante con la Sinfonica Abruzzese, il concerto registra un’altra prima: in qualità di “Boesendorfer Künstler”, e cioè artista testimonial della celebre casa viennese,  Carlo Grante suonerà su un nuovissimo modello di pianoforte gran coda, il Boesendorfer 280 Vienna Concert, portato all’Aquila dalla Yamaha Music Europe  GmbH Branch Italia di Milano grazie al maestro Grante che lo utilizzerà in questa occasione per la prima volta in Italia in un concerto con orchestra, dopo averlo suonato a Vienna dove ha inaugurato un concerto al Musikverein. Grazie ad un’importante sinergia, lo strumento sarà preparato per il concerto dalla ditta di Angelo Fabbrini di Pescara, una delle realtà abruzzesi di eccellenza a livello internazionale nel campo degli strumenti musicali. Il 2 maggio alle ore 17.00 Carlo Grante incontrerà gli studenti del Conservatorio dell’Aquila nell’incontro “Busoni secondo Carlo Grante”, il primo degli  “Gli incontri di Musica+” , un’iniziativa della rivista musicale edita dal Conservatorio “A. Casella”  in cui il protagonista di un articolo pubblicato dalla rivista dialoga dal vivo con un collaboratore di Musica+. L’intervista a Carlo Grante su Busoni realizzata da Diego Procoli è in uscita nei primi giorni di maggio nel numero 44, interamente disponibile online.

unnamed-1 unnamed unnamed-3

ANCORA NESSUN COMMENTO

I commenti sono chiusi