fbpx

Il cibo dei re

Le proteine sono gli elementi fondamentali di tutte le cellule animali e vegetali; sono i “mattoni” della massa muscolare (80%), rappresentano il 90% del peso del sangue a secco e il 70% della pelle. Sono costituiti da aminoacidi (mattoncini più piccoli) che uniti insieme formano catene la cui lunghezza può variare, da un centinaio di unità a molte migliaia. Le proteine svolgono sia una funzione biologica (formazione di ormoni e anticorpi) sia una funzione plastica: forniscono il materiale per costruire e riparare tutte le strutture organiche del corpo. Uno dei venti amminoacidi “semi-essenziali” (chiamati così perché possono essere anche sintetizzati dal nostro organismo, quando necessario) è la L-Arginina (conosciuta anche come Arginina o Arg). È presente nel riso integrale, avena, grano saraceno, nella carne rossa, pollame, pesce, latticini, frutta secca e in alcuni vini. L’importanza di questo amminoacido è stato al centro di studi da parte della Rice University e pubblicata sulla rivista Journal of Sexual Medicine per la “capacità” dell’arginina di produrre il monossido di azoto, molecola che migliora la funzione cardiaca e erettile.

Questa molecola ricopre un ruolo chiave anche nel metabolismo muscolare ed è responsabile della funzione immunitaria nonché della struttura delle ossa e dei tessuti molli. L’arginina svolge un ruolo fondamentale nella costruzione delle cellule, nell’escrezione di ammoniaca e la guarigione delle ferite e … favorisce anche l’esecrazione dell’ormone della crescita. Già all’inizio dei primi anni 80 il professore e ricercatore Louis Ignarro (premio Nobel 1998 per la medicina o la fisiologia) insieme con i colleghi Robert Furchgott e Ferid Murad aveva scoperto il meccanismo di azione dell’arginina e della funzione dell’ossido nitrico ma, sfortunatamente per lui, non concretizzò i suoi studi con la realizzazione di un farmaco. Diversi anni dopo, avvalendosi o no degli studi precedentemente fatti (e pubblicati), una nota casa farmaceutica mette in commercio la “famosa” pillola blu che sancirà la fortuna economica dell’azienda e dei ricercatori Peter Dunn e Albert Wood.

Gli studi e le ricerche svolte presso l’autorevole Johns Hopkins University School of Medicine hanno portato alla conclusione che l’ossido nitrico funziona meglio del Viagra (sildenafil) nel trattamento della disfunzione erettile. Il gas (l’ossido di azoto) provoca la dilatazione dei vasi, un aumento del flusso sanguigno e l’erezione; si è visto che in alcuni casi di impotenza la mancanza di erezione è causata dalla scarsa produzione di ossido nitrico da parte delle terminazioni nervose. Come accennato l’arginina viene prodotto direttamente dall’organismo e si può assumere con gli alimenti, una “scarsa” produzione può essere quindi “compensata” da un maggior apporto con la dieta; uno degli alimenti che contiene una buona quantità di arginina è il baccalà e lo stoccafisso (100 grammi di prodotto ne contengono circa 1,8 grammi) ed è per questo che inconsapevolmente, dai tempi passati, questo alimento è sempre stato considerato afrodisiaco.

Chiaramente illustrato, in un recente incontro professionale, il prof. Leonardo Seghetti, laureato in Scienze Agrarie, nonchè Accademico della Cucina Italiana, ha ribadito le qualità organolettiche di questo alimento leggero e povero di grassi, caratteristiche garantite dal particolare processo di essiccazione del merluzzo, che permette alla carne di conservare intatte le sue ricche riserve di arginina e lo fa diventare sicuramente “interessante” per la dieta maschile. Ancora meglio lo stoccafisso chiamato infatti il Re degli alimenti; essiccato all’aria e non trattato con il sale (come il baccalà) è un pesce povero di sodio e ricco di iodio, qualità che lo rendono particolarmente indicato per le diete iposodiche (combattono la ritenzione idrica), povero di grassi (adatto per le diete) e … dulcis in fundo …. anticellulite.

ANCORA NESSUN COMMENTO

I commenti sono chiusi