fbpx

Il FLA 2022 parte il 7 ottobre con il FLAP, un’anteprima di quattro giorni all’insegna della poesia

Il festival si prepara a festeggiare la sua ventesima edizione, che si svolgerà dal 10 al 13 di novembre

Nato nel 2003, il FLA – Festival di Libri e Altrecose darà il via ufficialmente alla sua ventesima edizione, che si svolgerà a Pescara dal 10 al 13 di novembre, con il FLAP, una quattro giorni all’insegna della poesia in programma dal 7 al 10 di ottobre in quattro spazi d’arte della città di Pescara. Il FLAP (dove la P sta per “Poesia”) nasce da un’idea della direttrice artistica Barbara Giuliani, poeta e insegnante presso la Scuola Macondo di Pescara, che ha coinvolto nel progetto quattro autrici di rilievo della scena poetica nazionale: “Ho sempre avuto il desiderio di rendere la poesia un oggetto commestibile, portare gli autori al pubblico con la loro poetica è la massima espressione di questo sentimento”.

Quattro gli appuntamenti in cartellone, tutti alle 18:30 e tutti ad ingresso gratuito. Venerdì 7 ottobre presso GArt Gallery, in via Gobetti 116, l’inaugurazione del FLAP è affidata alla direttrice artistica Barbara Giuliani che converserà con Silvia Molesini della sua ricerca lirica ultracontemporanea. Classe 1966, psicoterapeuta, Silvia Molesini vive e lavora a Costermano sul Garda. Ha pubblicato numerose raccolte poetiche, tra cui Nuova Noia, L’indivia, Il corpo recitato, Lezioni di vuoto, Cahier de doléances, 13 algebriche mistiche. Nel 2020 ha vinto la sesta edizione del premio Arcipelago Itaca per la poesia inedita ed è coinvolta nel progetto di diffusione poetica orale Letteratura Necessaria curato da Enzo Campi.

Sabato 8 ottobre presso lo YAG/Garage in via Caravaggio 125, Rosaria Lo Russo parlerà della sua ricerca e di poesia e performance con Matteo Auciello. Poeta, performer, traduttrice, saggista, Rosaria Lo Russo è nata a Firenze, dove vive, nel 1964. Fra i suoi libri di poesia, Comedia, Penelope, Lo dittatore amore. Melologhi, Io e Anne. Confessional poems, Crolli, Poema (1990/2000), Nel nosocomio, Anatema, Rina, Unamedea, con cui ha vinto il Premio Ciampi-Valigie rosse nel 2021. Ha tradotto e curato vari volumi di Anne Sexton tra cui Poesie d’amore, Poesie su Dio e Il libro della follia.

Per il terzo appuntamento del FLAP, domenica 9 ottobre, Sonia Caporossi discuterà del suo studio lirico e di critica poetica con Michele Piciocco nello spazio ƎMERGE Space Project, in via Tiburtina Valeria 75. Sonia Caporossi, nata a Tivoli nel 1973, vive e lavora nei pressi di Roma. È musicista, poetessa, prosatrice, critica letteraria e saggista. Tra i suoi ultimi libri, il saggio critico Le nostre (de)posizioni. Pesi e contrappesi nella poesia contemporanea emiliano-romagnola, con Enzo Campi, e la curatela su Giacomo Leopardi, L’infinita solitudine. Antologia ragionata delle poesie. Dirige per Marco Saya Edizioni la collana di classici italiani e stranieri La Costante Di Fidia.

La chiusura della prima edizione del FLAP è affidata a Francesca Genti che lunedì 10 ottobre racconterà il suo lavoro di ricerca insieme a Federica D’Amato nello spazio espositivo Studi d’Arte, in corso Manthonè 9/11. Francesca Genti è nata a Torino nel 1975 e vive a Milano. Con Manuela Dago ha fondato Sartoria Utopia, casa editrice di libri di poesia cuciti a mano. Tra i suoi libri di poesia, Bimba Urbana, Il vero amore non ha le nocciole, Poesie d’amore per ragazze kamikaze, C’è un astronauta che sta dentro la mia pelle, L’arancione mi ha salvato dalla malinconia, Il mio bambino mi ha detto, Anche la sofferenza ha la sua data di scadenza, La ballata di Nina Simone.