fbpx

IL FLA PESCARA FESTIVAL

Sale sempre di più l’apprezzamento del pubblico per il FLA Pescara Festival: l’edizione 2015, che si è svolta nel capoluogo adriatico dal 5 all’8 novembre, ha visto un aumento di pubblico del 40%rispetto a quella del 2014. La tredicesima edizione, organizzata dall’agenzia Mente Locale di Vincenzo D’Aquino e diretta dal giornalista Luca Sofri, ha infatti calamitato a Pescara vecchia e in diversi altri punti della città oltre 20mila visitatori per oltre 150 incontri fra presentazioni di libri, reading, mostre, tavole rotonde e iniziative collaterali su fumetto, musica e arti visive. Sessanta volontari e sei responsabili del social media team hanno assistito più di 160 ospiti e garantito la copertura di quasi 200 ore di programmazione, ripartite in quattro giorni di incontri e tredici luoghi diversi. Hanno partecipato ai progetti del FLA Pescara Festival oltre 2500 bambini e più di 1000 studentidelle scuole secondarie di secondo grado. Circa 600 libri sono stati donati all’iniziativa della Piccola Biblioteca Solidale, la libreria che il FLA, Marifarma e Tumidei doneranno al reparto di Neuropsichiatria Infantile dell’Ospedale Civile di Pescara. La tredicesima edizione del FLA Pescara Festival si concluderà il 26 novembre alle 21.00 nella sala 1 del cinema teatro Massimo, con il recupero del concerto-intervista a Morgan condotto da Luca Sofri che si sarebbe dovuto svolgere domenica 8 novembre. I biglietti acquistati rimangono validi; gli eventuali rimborsi saranno effettuati secondo le modalità Ciaotickets.com. La quattordicesima edizione del FLA si terrà dal 10 al 13 novembre 2016. Ben 800 sono stati i testi partecipanti al contest “Tweet and Outlet”, indetto dal FLA e dal Città Sant’Angelo Village. Cristina Bianco è stata la vincitrice della categoria Scuole, e come tale hapermesso alla sua, la secondaria di primo grado “Vicentini-Della Porta” di Chieti, di ricevere un buono da 1000 euro per materiale scolastico; l’hanno seguita Lorenzo Ramundi e Alessia Petricca, secondo e terza classificati. Vincitrice della categoria Open Contest e quindi dell’Apple Watch in palio è Vanessa Di Michele, mentre gli altri quattro classificati Annarita Petrino, Martina Florindi, Valentina Crocetta e Ludovica Patelli hanno ricevuto un lettore di libri elettronici Amazon Kindle. Premio speciale della critica a Roberta Iacobucci, che ha ricevuto un Amazon Kindle Paperwhite. Una targa è stata assegnata a Leo Ciccotelli, della Casa Circondariale di Chieti. «Il FLA 2015 è stato uno straordinario diffusore e moltiplicatore di esperienze culturali emozionanti e profonde – ha commentato il direttore del Festival Vincenzo D’Aquino – Sono davvero tante le persone che hanno collaborato al suo successo, in mille modi e su mille fronti: le ringrazio tutte e aspetto con curiosità di vedere che cos’altro riusciremo a fare insieme, nei prossimi anni». «È stato senz’altro il FLA migliore di sempre – ha commentato il direttore artistico Luca Sofri – c’è da esserne orgogliosi. Tutti gli ospiti sono stati lusingati e ammirati dall’accoglienza e dall’efficienza: abbiamo costruito una cosa memorabile, di cui moltissime persone a Pescara ci ringraziano. L’unico “problema” è che la voce comincia a spargersi e stiamo viziando sia gli ospiti sia i pescaresi: loro ora si aspettano tutto questo, e a noi tocca fare ancora meglio ogni volta». «Questa avventura, iniziata insieme tredici anni fa da noi pochi ragazzi appassionati di libri – ricorda l’assessore alla Cultura del Comune di Pescara Giovanni Di Iacovo, fondatore del FLA – è cresciuta caleidoscopicamente fino a coinvolgere ormai un pubblico di oltre ventimila persone, che scelgono di trascorrere quattro giornate insieme ai protagonisti della nostra cultura. Il Fla è un Festival che offre decine di eventi, in modo che ognuno possa trovare il proprio percorso tra un libro, un autore e un appuntamento. La nostra soddisfazione è che, terminato il FLA, tutti coloro che hanno partecipato si possano svegliare, il mattino dopo, sentendosi arricchiti di qualcosa di bello, di qualcosa di intenso, di qualcosa che rimanga».

ANCORA NESSUN COMMENTO

I commenti sono chiusi