fbpx

Il museo d’arte moderna Vittoria Colonna e le altre chicche di Pescara

Museo d'arte moderna vittoria colonna pescara

Il museo d’arte moderna Vittoria Colonna è un museo di Pescara che conserva al suo interno opere di Brindisi, Bueno, Calabria, Carrà, Guidi, Guttuso, Manzù, Maccari, Mirò, Picasso, Misticoni e Benini.

Le opere provengono da donazioni di Gangai-Stoppato e Misticoni.

La storia di questo Museo d’Arte Moderna

Il Museo d’Arte Moderna Vittoria Colonna si trova nel centro della città di Pescara, affacciato sul lungomare Matteotti, poco distante dalla scultura della Nave di Cascella.

Prende il nome da Vittoria Colonna d’Avalos, marchesa di Pescara, e amica del grande Michelangelo. 

La sede del museo risale agli anni 50 e fu progettata dall’arch. Montuori, come sede dell’Università D’Annunzio (poi trasferita a Viale Pindaro, a sud di Pescara).

La risistemazione degli spazi interni è stata affidata all’arch. Colleluori e nel 2002 il Museo d’Arte Moderna ha iniziato la sua attività, inaugurando con una mostra dedicata a Chagall. 

Altre chicche a Pescara per chi ama le gallerie d’arte

Il Museo Vittoria Colonna non è l’unico luogo di Pescara che ci ama l’arte dovrebbe visitare.

Vi suggeriamo altre due chicche da non perdere assolutamente.

Il Museo Civico Basilio Cascella con arte moderna

Il nome di Basilio Cascella racchiude la storia dell’arte nella città di Pescara, dove lo scultore, pittore, illustratore nacque nel 1860, dando inizio a una vera e propria dinastia di artisti.

Noto soprattutto per La Nave, la scultura moderna al centro del lungomare Matteotti, al termine di c.so Umberto I, Basilio Cascella fu autore di tantissime opere di scultura e pittura.

Oggi sono visitabili nella pinacoteca civica a lui dedicata. 

Villa Urania: la galleria d’arte delle maioliche

In centro, in un villino stile liberty chiamato Villa Urania, si trova un museo delle maioliche che conserva la collezione di Raffaele Paparella Treccia e di sua moglie Margherita Devlet, ai quali è intitolata la fondazione che sostiene il museo.

Villa Urania fu trasformata in un museo alla morte dei coniugi. Oggi al suo interno sono visitabili 140 pezzi da collezione di maioliche fabbricate tra il 1500 e il 1700.


Credits foto in evidenza:

Di Freegiampi – Foto scattate dal sottoscritto, CC BY-SA 2.5, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=1649265

ANCORA NESSUN COMMENTO

I commenti sono chiusi