fbpx

Il Sindaco Masci condanna gli atti vandalici alla Cgil

Ferma condanna del sindaco di Pescara Carlo Masci per gli  atti vandalici messi a segno la scorsa notte all’esterno della  sede della Cgil a Pescara dove i muri sono stati imbrattati da scritte ingiuriose per mano di no-vax. Così il primo cittadino:<Si tratta di un raid oltraggioso e inqualificabile che condanno con fermezza – ha affermato il primo cittadino di Pescara – L’aver colpito una sede del sindacato, che è per definizione il luogo dove si affermano i valori della democrazia e del diritto al lavoro, è un’azione grave e inaccettabile che provoca in me un sentimento di sdegno. Ci sarebbe da preoccuparsi pensando all’analogo episodio che solo poco tempo fa vide presi di mira gli uffici della Cisl, ma sono anche convinto che la tutela del principio della legalità continuerà a ispirare a maggior ragione il nostro agire quotidiano e ad animare ancor di più lo spirito della Cgil in tutte le sue lotte al fianco dei lavoratori. Quanto accaduto va ritenuta manifestazione di delinquenza comune mista a un delirante frasario che esprime folli e vergognose venature politiche condite di ignoranza e volontà di prevaricazione. Confido pertanto nel lavoro degli inquirenti che certamente sapranno profondere il massimo impegno per risalire ai responsabili di questo vile gesto. Alla Cgil rivolgo la mia solidarietà e il mio sostegno a nome di tutti i pescaresi per bene>.