fbpx

La Costituzione Italiana raccontata dagli studenti del De Cecco e dai ragazzi di Diversiuguali

“La magia del Teatro è quella di saper creare condivisione e uguaglianza nella diversità che diventa risorsa perché ciascuno di noi è unico e irripetibile nella sua singolarità. Ed è da questa magia che nasce lo spettacolo dedicato a ‘La Costituzione Repubblicana: Carta Canta’, che ha visto protagonisti gli studenti speciali dell’Istituto Alberghiero Ipssar ‘De Cecco’ con i ragazzi dell’Associazione DiversUguali di Gianna Camplone, una performance  frutto di un intenso lavoro condotto nel nostro Laboratorio di Teatro con i docenti di sostegno, e che è ormai diventato un appuntamento tradizionale che segna la chiusura dell’anno scolastico per la nostra scuola”. Queste le parole della dirigente dell’Istituto Alberghiero ‘De Cecco’ Alessandra Di Pietro aprendo lo Spettacolo inclusivo svoltosi all’Auditorium Flaiano.

Presenti, tra gli altri, il sindaco Carlo Masci, l’assessore alle Politiche sociali Adelchi Sulpizio, il consigliere regionale Guerino Testa, la referente dell’Ufficio Scolastico provinciale Tiziana Venditti, il Presidente della Commissione regionale Pari Opportunità Maria Franca D’Agostino, il Presidente dell’Osservatorio Giuridico Legislativo d’Abruzzo Don Antonio De Grandis, il presidente dell’Associazione DiversUguali Gianna Camplone con la psicologa Raffaella Papagno oltre agli studenti.

Lo spettacolo inclusivo ha voluto far emergere le abilità espressive maturate nel corso dell’anno dagli studenti, al termine di un intenso lavoro di studio, di collaborazione, un Laboratorio di esperienze, un’opportunità formativa che ha favorito la relazione e ha sostenuto la conoscenza di sé, del proprio talento e delle proprie emozioni, dunque un modo per imparare a vivere gli altri come una ricchezza, un sentire che riconosce e accoglie le differenze e le specificità di ciascuno. “Il ringraziamento va ovviamente anche ai docenti di sostegno per il supporto fornito nella preparazione dei nostri ragazzi riuscendo a costruire un’identità di gruppo“ha affermato la dirigente. “L’iniziativa ha con sé tanti elementi importanti – ha detto il sindaco Masci – racconta la nascita della Costituzione Repubblicana che è fondamentale nel nostro patto democratico di paese libero, perché la libertà non è scontata, si conquista ogni giorno con piccoli e grandi gesti. Poi il Teatro: la cultura salverà il mondo, la sensibilità, il sogno, la genialità del teatro e dell’arte. Poi c’è la scuola: i nostri ragazzi vengono da due anni difficili perché la Dad non è scuola, che è invece condivisione, incontro, socializzazione, unione. E il ringraziamento va a tutti gli operatori della scuola che negli ultimi due anni hanno affrontato prove terribili. Infine l’inclusione e il ringraziamento va a Gianna Camplone che fa cose incredibili con i suoi ragazzi”. “Il Consiglio regionale ha patrocinato  l’evento, insieme al Comune e alla Garante regionale per i Diritti per l’Infanzia – ha detto il consigliere Testa -, Marina Falivene, uno spettacolo che testimonia la vitalità di una scuola che si annovera tra le migliori della nostra città”. Quindi si è aperto il sipario sui ragazzi che, ripartendo dalla seconda guerra mondiale, hanno ricordato le tappe che hanno portato alla redazione della Carta Costituzionale e alle conquiste contenute in ogni articolo, dal diritto di voto al diritto alla salute, al lavoro e alla tutela dell’Ambiente. A coordinare attori-ballerini e cantanti è stata Sara Tatoni, voce narrante dello spettacolo è stato il docente e regista Edoardo Oliva, con la partecipazione di Pina Di Marco, Valentina Costanzo, Daria Cavallini, Costantino Di Bartolomeo, Stefania Sollazzo, Angela Fimani, Francesco Morelli; la grafica di Ivo Mordente, montaggio Marilena Passeri, tecnico audio Rinaldo Carfagna, aiuto regia Patrizia Garofoli, regia Cinzia Chiaiese e Caterina Pozzi. Lo spettacolo ha visto la partecipazione straordinaria della voce e della chitarra di Antonello Persico, il chirurgo pediatra cantore di De Andrè e il cameo di Ugo Dragotti, membro dell’Associazione Nazionale Bersaglieri d’Italia.