fbpx

L’albero del giudice Falcone a Chieti

 Cerimonia a Villa Firgerj con i Carabinieri forestali, Sindaco e assessore Zappalorto: “Messa a dimora parte del bosco del futuro”

I Carabinieri Forestali del Reparto Biodiversità di Pescara insieme ai ragazzi dell’Istituto Tecnico Commerciale e per Geometri “Galiani – de Sterlich” di Chieti, alla presenza del Sindaco di Chieti dott. Diego Ferrara e dell’assessore all’Ambiente e alla Transizione ecologica del comune di Chieti, Chiara Zappalorto, hanno messo a dimora le piantine del progetto “Un albero per il futuro” nei pressi del museo di Villa Frigerj. Un evento dall’alto valore simbolico, che unisce Assessorato all’Ambiente e Forestali e che si è arricchito di una talea che i Carabinieri del Centro Nazionale per la Biodiversità Forestale di Pieve Santo Stefano (AR) hanno donato alla scuola, dopo averla prelevata dall’Albero di Falcone, la pianta di Ficus macrophylla che cresce davanti alla casa palermitana del giudice, divenuta simbolo di legalità e libertà. L’Istituto Tecnico Commerciale e per Geometri “Galiani – de Sterlich” è la prima scuola del territorio provinciale ad aver ricevuto questo nuovo ospite.

“Un bosco speciale, emozionante per tante ragioni – commentano il sindaco Diego Ferrara e l’assessore Zappalorto – È fondamentale sensibilizzare i giovani all’importanza del bosco e degli alberi, soprattutto a tutela dell’ambiente, la tutela della biodiversità e della vita di ognuno, quotidiana.  Abbiamo sposato in pieno questo progetto che prevede di donare giovani alberi appartenenti a specie tipiche della flora locale che i Carabinieri Forestali provvedono a consegnare e mettere a dimora con gli studenti delle scuole aderenti, che ne diventano affidatari e possono seguire l’evoluzione del bosco diffuso creato sul sito dedicato al Progetto (www.unalberoperilfuturo.it) che nel triennio 2020-2022 prevede la piantumazione di circa 50.000 piantine. Il giardino storico di Villa Frigerj, la Villa Comunale di Chieti, si arricchirà di una nuova preziosa gemma, che sarà ossigeno delle coscienze dei giovani studenti delle scuole e testimone della loro continua attenzione al tema della legalità che, come l’ambiente, va sempre curata, alimentata e protetta”.