fbpx

Le alghe … tra salute e benessere

Alimento primordiale, quasi ancora sconosciuto agli europei, ricco di proprietà benefiche per il nostro organismo ed alternativa alimentare piena di “sorprese”.

In una roccia della Cina, un tempo coperta dall’oceano, sono stati individuate le più antiche alghe verdi mai ritrovate, sono state datate 650 milioni di anni fa e la loro presenza ha permesso la comparsa dei primi animali sulla Terra. E’ stato il primo alimento; la fonte è più che autorevole, si tratta del biochimico belga Christian de Duve, Premio Nobel per la medicina nel 1974, che nel suo trattato “Le origini della vita” parla appunto dell’organizzazione strutturale e funzionale della cellula dalle sue origini.

 

Altamente proteiche e quasi prive di calorie, le alghe sono una delle maggiori fonti di vitamina B, C, D, E, calcio, ferro, magnesio, fosforo, sodio, potassio, rame, zinco, oligoelementi, aminoacidi ed enzimi. Sono considerate tra gli alimenti più “benefici” per il nostro corpo: permettono di rafforzare le difese immunitarie, aiutano a riequilibrare le funzioni dell’organismo e lo disintossicano.

Pigmenti

Contiene il carotene (giallo e rosso) e la clorofilla (verde).

Il carotene, chiamato anche provitamina A, permette all’organismo di assorbire le energie e di metabolizzarle. Possiede grandi proprietà antiossidanti e neutralizza i radicali liberi.

La clorofilla è definita il “sangue delle piante” per la sua grande somiglianza con l’emoglobina ematica. Purifica l’organismo e il sangue. È inoltre ricca di magnesio.

Proteine

Presenti in grande quantità, in alcune specie superiore alle altre fonti terrestri, come la carne o la soia.

Le proteine svolgono un ruolo fondamentale nella costituzione delle cellule viventi. Garantiscono le funzioni essenziali, quali il sistema digerente, ormonale e immunitario.

Glucidi

Apprezzate dai diabetici, le alghe sono costituite da zuccheri non assimilabili. Ricche di amidacei, sono ottime per l’intestino.

I glucidi, comunemente chiamati zuccheri, sono essenziali per la nostra salute e non bisogna eliminarli del tutto perché ci forniscono l’energia quotidiana indispensabile. Quelli contenuti nelle alghe sono zuccheri complessi ed hanno la caratteristica di rilasciare lentamente l’energia oltre ad essere ricchi di cellulosa.

Lipidi

Le alghe ne contengono solo il 4% : la giusta quantità per una alimentazione bilanciata dove anche i lipidi devono essere presenti … meglio in piccole quantità.

I lipidi, comunemente chiamati grassi, svolgono un ruolo importante, perché rappresentano la nostra riserva di energia e di calore. Si suddividono in tre categorie:

gli acidi grassi saturi, presenti nella carne e nei latticini;

gli acidi grassi polinsaturi, presenti nell’olio di girasole, di noci e di colza;

gli acidi grassi monoinsaturi, propri dell’olio di arachidi e d’oliva.

Tante sono le proprietà organolettiche e nutrizionali delle alghe che ne fanno un alimento “quasi” miracoloso” tra cui il loro utilizzo come … “antigrasso”: un team di ricercatori dell’Università di Okkaido, in Giappone, hanno somministrato e monitorato la fucoxatina, pigmento contenuto in alcune alghe usate in cucina, hanno riscontrato una perdita del 10% della massa grassa depositata nella zona addominale. Le alghe Klamath sono invece in grado di controllare l’appetito e di inibire la fame compulsiva, modulando la dopamina, un neurotrasmettitore anoressizzante, senza ricadute nocive sull’umore.