fbpx

“LE RADICI DEL FUTURO”

L’Assessorato alle Politiche Culturali ha elaborato un calendario  costituito da eventi/iniziative che interesseranno la struttura aurum dal 10 al 19 dicembre  2015. Il titolo: “Le radici del futuro – da Ostia Aterni alla Pescara del domani”. Un evento unico nel suo genere dedicato alla Storia della città di Pescara e organizzato dall’Assessorato alla Cultura in collaborazione  con le Soprintendenze ai beni culturali, l’Archeoclub, l’Archivio di Stato e altri Enti e Istituzioni. Attraversando la micro e la macro storia della città  e scendendo nelle vicende  particolari della storia locale, l’evento tenta una ricostruzione dei momenti storici e identitari di Pescara, donando alla cittadinanza l’occasione per rafforzare la consapevolezza di appartenenza al proprio territorio. L’iniziativa si articolerà  in vari spazi, ognuno rappresentante un momento identitario specifico. Dal periodo romano al Medioevo, dalla nascita della Piazzaforte alla costituzione della parrocchia della Madonna dei Sette Dolori, dall’ Ottocento, con l‘Unità d’Italia e l’arrivo del ferrovia fino alla costituzione della Nuova Pescara, nel Novecento. Percorsi fotografici ed espositivi, proiezioni di video storici, reading e conferenze saranno la cornice di questo grande evento che invaderà gli spazi dell’Aurum. Verranno allestiti percorsi fotografici e documentari  su aspetti peculiari e correlati, come l’edificazione delle Ville Liberty a Pescara sud, la storia industriale della città con le sue numerose fornaci, la promozione delle imprese commerciali e industriali pescaresi con la mostra La Réclame a Pescara ed altri eventi di grande fascino. Ampio respiro verrà dedicato anche ai personaggi illustri che hanno contribuito alla storia di Pescara, magari pur non essendo della città: a Gabriele D’Annunzio, alla famiglia Cascella, allo scultore Nicola D’Antino e allo scrittore Ennio Flaviano. Un evento per aprire la città alla conoscenza del proprio passato, non solo in un’ottica di conoscenza ma anche di acquisizione della consapevolezza del grande Patrimonio da tutelare e valorizzare