fbpx

Premio per l’economia della cultura a Nicola Mattoscio

 Giovedì 6 ottobre il Presidente della Fondazione Pescarabruzzo, Prof. Nicola Mattoscio, riceverà il Premio d’eccellenza per Economia della cultura “Città del Galateo – Antonio de Ferrariis, in occasione della cerimonia conclusiva della sua IX edizione, che si terrà presso la Sala del Primaticcio di Palazzo Firenze a Roma, in piazza di Firenze, 27. Il premio trova ispirazione ed è dedicato al grande medico e intellettuale rinascimentale Antonio De Ferrariis (1444 / 1517), noto come Galateo (dalla sua città natale, Galatone) che si afferma soprattutto nelle scienze naturali, attestandosi tra gli studiosi più avanzati dell’epoca, lottando anche la superstizione in nome della razionalità scientifica e della medicina.

Il premio internazionale “Città del Galateo” beneficiadella medaglia di rappresentanza del Presidente della Repubblica, oltre ad avere il Patrocinio morale del Senato della Repubblica, della Camera dei Deputati, della Regione Lazio e della Società Dante Alighieri di Roma.

La cerimonia di premiazione sarà coordinata dal presidente del premio, Sergio Camellini, condotta da Marilisa Palazzone e dal giornalista Stanislao Liberatore, a seguire si svolgerà un convegno dal titolo “Pace e dialogo interreligioso”.Tante le personalità che riceveranno il premio d’eccellenza per alti meriti nei campi della cultura, delle scienze, dell’economia, dell’informazione, della ricerca, della letteratura, delle arti, dei diritti umani e della pace. Nicola Mattoscio, esperto e studioso dei mercati finanziari e monetari, ha di recente incentrato i suoi studi sull’economia sperimentale, della conoscenza, della globalizzazione e dell’etica, anche dedicando numerosi lavori al tema delle dinamiche di crescita e di sviluppo nell’Unione Europea. L’ultimo suo lavoro, al riguardo, reca il titolo “L’Italia unitaria tra questione meridionale ed Europa, edito da Franco Angeli. Già professore ordinario di Economia politica all’Università di Chieti-Pescara, attualmente è professore straordinario all’Università G. Marconi di Roma.