fbpx

PRESENTATA LA SQUADRA DELL’ADRIATICO GOLF CLUB DI BRECCIAROLA

Sessantacinque ettari, un green di 1.800 metri, un centro benessere, un ristorante gestito dall’hotel Dragonara e poi un campo da calcio a 5 e due campi da tennis. La scommessa di Goffredo D’Aurelio, imprenditore con il pallino dello sport (in passato ha sponsorizzato basket e ciclismo) si può dire vinta. L’Adriatico Golf Club di Brecciarola ha rispreso vita grazie a un gruppo di imprenditori capeggiati da D’Aurelio. “Siamo a metà del guado – minimizza D’Aurelio che ha salvato dall’abbandono e dal degrado un sito dal panorama splendido che si stende dalla Maiella al Gran Sasso – i lavori per i green sono ancora in pieno svolgimento, la piantumazione è in fase avanzata, aspettiamo per fine mese l’erba per i green che arriverà dall’America, ha caratteristiche particolari, non richiede una grande manutenzione. Avremo un campo da 9 buche e un altro da 18 in un terreno collinoso caratterizzato da un paio di boschi e da ben otto laghi”. “Non solo un progetto di recupero ludico sportivo, ma anche un’occasione di rilancio di un territorio tra i più belli del circondario di Chieti, un territorio che può connotare per le sue bellezze naturalistiche l’intero Abruzzo – il sindaco di Chieti, Umberto Di Primio insiste su questo concetto: “E’ stata recuperata una fetta di territorio che è del Comune e lo si è fatto senza guardare al business. Anzi, l’opera di D’Aurelio e della sua squadra non si ferma qui”. Uno dei pallini dell’imprenditore è il recupero della Torre, che ama chiamare Valeria, perché si affaccia sulla Tiburtina e che domina il territorio di Brecciarola. Un progetto di grandi proporzioni, dunque, come ha tenuto a precisare Maria Luisa D’Aurelio, presidente del gruppo sportivo Val Pescara, che gestirà le varie attività sportive del complesso e che presto si allargheranno anche alla pesca sportiva: “Quando Goffredo parte come un treno è difficile fermarlo, abbiamo dovuto combattere con lui quando ci ha esposto il progetto di bonifica di questo complesso, ma come al solito l’ha spuntata lui”.  “Il mio credo ruota attorno a quattro parole, le cui iniziali formano la parola Golf: Giusto, Onesto, Libero e Forte. Sono un sognatore e mi impegnerò sempre per lavorare a una convivenza serena fra persone che condividono il colloquio e il confronto. Uno dei miei sogni è che il golf club sia frequentato da bambini liberati dai videogiochi e pronti a confrontarsi e dialogare con altri bambini. Per fare ciò mi sono contornato di una squadra di collaboratori nel segno dell’eccellenza e ho scelto Charlie Chaplin come logo del centro sportivo: un uomo libero, sempre in movimento e sempre in grado di confrontarsi con chiunque”. Uno dei membri della squadra più importante è il tecnico Pietro Bruni: “Nove buche corte sono già pronte all’uso così come il campo pratica. Le nove buche si girano in un’ora circa. Altre nove buche sono state modellate dall’architetto Alessandro Petaccia. Da maggio saranno pronte altre sei buche e nei mesi successivi le altre tre. Siamo affiliati sia alla Federgolf che alla Uisp. Sono previsti corsi di avvicinamento a basso costo. L’erba scelta denominata Bermuda grass, arriverà dagli Usa, non è mai stata utilizzata negli altri campi che esistono in Italia. Non è soggetta a far entrare altra erba nel terreno e garantisce un risparmio del 40% in meno di consumo idrico”. Un ruolo importante l’hanno avuto gli uomini della Geco, la ditta che ha liberato da due/tre metri di rovi la struttura e che ha rifatto l’irrigazione e la piatumazione. Si occuperà anche degli appezzamenti di terreno che saranno utilizzati per l’agricoltura. L’intera irrigazione dei green è stata fatta ex novo e c’è un sistema di depurazione delle acque e dei grassi e degli olii che potrebbe servire a soddisfare 50 appartamenti. Franco Spinozzi si è occupato di recuperare tutte le strutture edilizie, l’ultimo sforzo sarà il completo recupero della prestigiosa Torre Valeria. Daniela Giangreco si occuperà della parte resort con un percorso benessere e salute non solo per gli sportivi che frequenteranno il resort ma anche di quanti vorranno trovare nell’arco della giornata qualche ora di relax  tra sauna e idromassaggi. Insomma, una struttura di alto livello che si pone come punto di riferimento non solo per Chieti ma per il Centrosud.

CENTRO BENESSERE foto TAVOLO CON 2

ANCORA NESSUN COMMENTO

I commenti sono chiusi