fbpx

PROGETTO ADRIAMORE PER GESTIRE IL RISCHIO IDROMETEOROLOGICO

IPA ADRIATIC: prende il via a Pescara il progetto AdriaMORE per gestire il rischio idrometeorologico

9-10 aprile 2018

PESCARA – Una più ottimale gestione del rischio idrometeorologico in modo da mitigare e tenere sotto controllo gli impatti dei danni causati dall’innalzamento del livello delle acque, dalle inondazioni e mareggiate. Risponde a questo obiettivo il progetto AdriaMORE Adriatic DSS Exploitation for MOnitoring and Risk management of coastal Extreme weather and flooding, progetto Standard+ finanziato dal Programma CBC Interreg Italia-Croazia – Priorità 2, Obiettivo specifico 2.2., al via lunedì 9 aprile e che vede capofila la Regione Abruzzo con il Servizio della Cooperazione Territoriale – Ipa Adriatic, in collaborazione con il Cetemps dell’Aquila in qualità di ente scientifico di attuazione e importanti partner quali la Regione di Dubrovnik e Neretva (Hr), il Servizio meteorologico e idrogeologico croato (Hr) e l’istituto di Scienze dell’atmosfera e del clima (It).

In questi ultimi anni i rischi idrometeorologici e di altro tipo provocati da eventi meteorologici che colpiscono le aree adriatiche rappresentano una grave minaccia che va affrontata migliorando i sistemi di monitoraggio e previsione. A tale riguardo, il progetto AdriaMore si inserisce capitalizzando i principali risultati dei progetti AdriaRadNet e CapRadNet che hanno sviluppato un sistema integrato per l’osservazione di possibili scenari ad alto rischio idrometeorologico a fini di protezione civile lungo le regioni costiere tra Italia e Croazia. In tale ottica, l’approccio del progetto AdriaMore, il cui inizio è previsto nei giorni 9 e 10 aprile presso la sede del Consiglio regionale a Pescara, sarà volto a porre le basi per il raggiungimento di una serie di obiettivi specifici tra i quali: fornire nuovi sistemi di osservazione e prevenzione e adeguare le informazioni di telerilevamento fornite da radar e satelliti per il monitoraggio costiero dei rischi ambientali; implementare un complesso sistema di modelli numerici accoppiati in grado di prevedere le principali variabili idrometeorologiche e marine, nonché i processi di trasporto e le possibili fughe in mare; eseguire due azioni pilota attorno agli estuari dei fiumi Pescara e Neretva per testare il sistema integrato consolidato.

Il kick off del 9-10 aprile (sede del Consiglio regionale a Pescara), che sarà presieduto dalla coordinatrice del progetto Avv. Paola Di Salvatore, vedrà la presenza del Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regionale Mario Mazzocca, del direttore del Cetemps Frank Marzano e della responsabile del programma Italia-Croazia, Diana Petrovic.

ANCORA NESSUN COMMENTO

I commenti sono chiusi