fbpx

Una serata con il “capitano coraggioso” della Diamond Princess

 

Il comandante Gennaro Arma, che in piena pandemia ha coordinato l’evacuazione del transatlantico americano rimanendo solo a bordo, ha presentato il suo libro presso il club presieduto da Giuseppe Mauro

E’ il capitano coraggioso, l’eroe della nave da crociera battente bandiera americana che nel febbraio 2020 ha gestito una paurosa emergenza Covid-19 a bordo del natante. Gennaro Arma è balzato agli onori delle cronache internazionali  quando del nemico invisibile venuto dalla Cina si sapeva poco o nulla e combatterlo era ancora più difficile. In molti vorrebbero incontrarlo, porgli delle domande o semplicemente congratularsi con lui. I soci del Rotaray di Pescara hanno avuto la possibilità di stringere la mano al comandante del transatlantico in una serata svoltasi presso il ristorante Sea River dove l’alto ufficiale si è recato accettando l’ invito del presidente del Rotary Giuseppe Mauro. Accompagnato dalla moglie Mariana, Gennaro Arma ha incontrato gli iscritti ed ha presentato il libro “La lezione più importante, quello che il mare mi ha consegnato”, scritto dopo l’angosciosa esperienza vissuta sull’imbarcazione  bloccata a  largo della baia di Yokohama in Giappone, con 3711 passeggeri, di 56 nazionalità diverse, tutti  in isolamento per la presenza a bordo di 705 contagiati. Sei persone non sono sopravvissute al virus, 10 sono guarite e, dopo due settimane di quarantena  imposta dalle autorità giapponesi, il comandante ha proceduto all’evacuazione dei passeggeri e dell’equipaggio. Durante le operazioni, il capitano  ha costantemente informato e rassicurato i turisti a bordo, la sera del  2 marzo Arma ha lasciato la nave dopo essere rimasto l’unico a bordo. Alla platea rotaractiana Gennaro Arma ha ripetuto quanto detto nei mesi in cui è diventato un eroe nazionale, con un’onorificenza ricevuta dal Presidente della Repubblica Mattarella, interviste su testate internazionali, conferenze e la stesura del libro edito da Mondadori: <Non sono un eroe, ho fatto solo svolto  il mio lavoro. Quando sei un comandante, sai bene che in qualsiasi situazione di emergenza, devi essere l’ultimo a sbarcare, ma la passione che hai per il tuo ciò che fai e  forse anche un po’ di sana follia, ti portano a  pensare che quel momento non arriverà mai perche tu quella nave non vorresti lasciarla per nulla al mondo>.

“La lezione più importante, quello che il mare mi ha insegnato” è una sorta di autobiografia in cui Arma racconta la sua carriera, iniziata con gli studi All’istituto Nautico   di Piano di Sorrento, sua città natale, le prime esperienze da mozzo, assistente di coperta e garzone di cucina a bordo di navi mercantili, l’ingresso nella compagnia statunitense Princess Cruises dove è diventato comandante nel 2015 e dove ha ripreso servizio lo scorso gennaio. Il racconto culmina nella disavventura della Diamond Princess.  “The brave captain” come lo ha definito la stampa internazionale, ha affermato di vedere nel mare una figura amica, nonostante tutto: <E’ un  imprevisto che incombe, è l’inatteso col quale devi convivere,devi saperti organizzare in un istante e riorganizzarti subito dopo perché è già tutto cambiato ma è anche lo spazio infinito, la strada insospettabile che ti conduce al rispetto e alla comprensione degli altri>. Il comandante Gennaro Arma ha aggiunto di desiderare che questo libro diventi  un messaggio per le nuove generazioni: <Ai ragazzi sta piacendo molto ed io sono contento quando sono loro a farmi tante domande. Vorrei che la mia esperienza trasmettesse alle nuove generazioni l’importanza dei valori dell’onestà,del lavoro, della famiglia, degli affetti, principi  con i quali io sono cresciuto e che oggi si stanno purtroppo perdendo>.

di Mila Cantagallo